Acque minerali: ecco le migliori e le peggiori secondo Altroconsumo

Sapevate che bere l’acqua del rubinetto permette di andare a risparmiare una cifra considerevole? Intanto, però, Altroconsumo ha deciso di effettuare un test sulla qualità delle acque in bottiglia in commercio. Andiamo a scoprire nel dettaglio cosa ne è venuto fuori.

acqua bottiglia
(Pixabay)

La scelta migliore per agevolare i risparmi è, senza dubbio, quella di usare l’acqua del rubinetto. C’è da dire, però, che acquistare acqua in bottiglia garantisce maggiore sicurezza sulla sua provenienza.

A tal proposito, Altroconsumo ha voluto analizzare la qualità di alcune marche di acqua presenti in commercio. Andiamo a scoprire cosa è venuto fuori.

Test qualità acqua in bottiglia: le migliori e le peggiori

acqua bottiglia
(Pixabay)

Altroconsumo non ha fatto altro che testare, in particolare, la presenza di sali minerali, oltre alla presenza di metalli e contaminati.

Dal test è venuto fuori che l’acqua migliore è la Smeraldina naturale. Oltre a questa acqua, in classifica troviamo la Rocchetta naturale, seguita da Recoaro Naturale, S. Bernando naturale, San Benedetto naturale, Alpe Guizza naturale e Lauretana naturale.

Tra le marche di acqua di qualità inferiore, ma comunque buona, troviamo Vitasnella naturale, Gran Guizza naturale, Lurisia naturale, San Benedetto naturale, Blues naturale, Conad naturale, San Bnedetto easy eco green naturale, Carreefour naturale, Coop naturale, Sant’Anna naturale, Martina naturale, Esselunga naturale e Nestlè Vera naturale.

Esistono anche marchi di acqua considerati di qualità media. Tra questi, troviamo Levissima naturale, Humana naturale, Santa Croce naturale, Valmora naturale, Lilia naturale.

Considerata di qualità bassa, invece, la Fiuggi naturale.

Anche se in commercio si possono trovare marchi di acqua di ottima qualità, il consiglio resta quello di ricorrere all’acqua del rubinetto. Questo perché serve a risparmiare tantissimi soldi. Un fattore non da poco, considerando la crisi che in questo periodo sta investendo il nostro paese. In questo periodo, infatti, oltre al rincaro di benzina e materie prime, abbiamo assistito anche all’aumento dei prezzi dell’acqua in bottiglia.

 

Insomma, appare evidente che usare l’acqua del rubinetto sia senza dubbio la soluzione più economica. L’importante è sempre testarne la qualità prima di poterla bere, in modo da evitare di rischiare che non sia potabile.