Queste 10 lire valgono un capitale: fino a 4.500 euro, controlla in casa

10 lire che sono una piccola fortuna: quali sono le versioni coniate e quanto sono disposti a pagare i collezionisti

Monete rare 10 lire
Moneta da 10 lire (foto Facebook)

Le monete da 10 lire sono tra le più nostalgiche dell’era pre-euro. Nei decenni della Repubblica sono state prodotte due diverse versioni. La prima è ricordata da chi è più anziano, difficilmente dai giovani. È stata coniata dal 1946 al 1950 ed è conosciuta come la 10 lire Pegaso perché sul lato rovescio c’è il cavallo alato. Sul dritto il valore nominale, l’anno di coniazione con il ramoscello d’ulivo e la R della Zecca di Roma.

29 millimetri e un peso di 3 grammi, nel 1946 è stata realizzata una versione con la scritta Prova. Se per caso molto fortuito dovessimo avere in casa un esemplare del genere, secondo monetedivalore,it i collezionisti la comprerebbero per 100 euro se conservato in Fior di Conio. In condizioni Splendide, invece, supera i 350 euro e se in buona condizione a circa 200 euro.

C’è anche una moneta da 10 lire differente ed è del 1947. Risulta ancora più difficile da trovare rispetto a quella coniata l’anno precedente.

Se lo stato di conservazione è vicino al Fior di Conio, può costare addirittura 4.500 euro, in Splendido quasi 3.000 euro e in buone condizioni a 1.700.

10 lire, quando sono state coniate

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Un’altra moneta storica dal valore nominale di 10 lire è quella con le spighe. Coniata in due diversi momenti, dal 1951 al 1956 e dal 1965 al 2001, praticamente fino a quando la vecchia moneta nazionale è stata in circolazione.

Fa strano pensare che negli anni Ottanta e Novanta venisse ancora utilizzata come valore di scambio. In effetti man mano era sempre più difficile trovarla anche perché era quasi inutile. Per fare un esempio, era difficile comprare qualcosa a 10.710 lire. La moneta però è stata sempre prodotta anche se in quantità ridotta.

Soprattutto quelle realizzate dal 1965 in poi, è più facile trovarle in casa. Se quindi in qualche cassetto abbiamo vecchie monete, si consiglia di andare a controllare perché alcuni collezionisti sarebbero pronti a comprarle.

Ma qual è il valore? Quella dell’annata del 1955 circa 15 euro, quella del 1956 un po’ in più, 25 euro. La 10 lire della “seconda serie, dal 1965, ha un valore di circa 30 euro. Le coniazione successiva valgono davvero poco, qualche euro la massimo 5.