Truffa via PayPal: ci sono almeno 10 modi per essere frodati

PayPal e altri sistemi di pagamento digitale stanno diventando sempre più popolari e una truffa può essere davvero all’ordine del giorno. Ecco cosa puoi fare per proteggerti da chi vuole sottrarre i tuoi dati.

truffa paypal
(foto pubblico dominio)

Ha 400 milioni di utenti e il numero di coloro che ci si affidano è in continua crescita, così PayPal è diventato uno dei bersagli preferiti per i truffatori. La gran parte delle truffe online coinvolgono app di pagamento, del resto, e si basano sul fatto che gli utenti del web non capiscono quanto quei meccanismi che utilizzano siano facilmente vulnerabili. Insomma, bisogna davvero prestare molta attenzione onde evitare di restare ingannati da truffatori in agguato.

Come sventare una truffa che sottrae i dati di PayPal

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Chiaramente nessuno vi sta dicendo che dovete chiudere il vostro conto PayPal, che è peraltro la piattaforma di pagamento digitale all-in-one più nota e diffusa, offrendo un’alternativa ai metodi bancari tradizionali, ma semplicemente di prestare attenzione alle trappole che si nascondono nel web. Secondo Eva Velasquez, presidente e CEO di Identity Theft Resource Center, il sistema di protezione dei dati messo in piedi negli anni da PayPal è altamente vulnerabile, per cui l’attenzione deve essere massima non solo per gli utenti un po’ meno in grado di muoversi sul web.

Telefonate truffa, buoni regalo, ma anche Amazon e Facebook Marketplace: il campo è davvero minato, ma con un po’ di scaltrezza possiamo imparare a muoverci. Innanzitutto, è il phishing la tipologia di truffa più diffusa: i truffatori si “mascherano” da PayPal e vi chiedono i vostri dati per confermare un ordine. In tanti ci cascano e una volta ricevuta la finta email accedono al proprio account per verificare lo stato dell’ordine, che però in realtà non hanno mai fatto. Appena il truffatore è in possesso dei vostri dati, può farci ovviamente quello che vuole.

Il secondo metodo più usato è invece quello dello smishing, ovvero messaggi di testo non richiesti che sembrano notifiche di avviso di PayPal. Questi ti avvertono che è in atto una frode e chiedono conferma dei tuoi dati: invece, proprio a quel punto scatta la vera frode. C’è poi chi avanza richieste di pagamento e anche in questo caso, massima attenzione: semmai dovessi inoltrare per sbaglio un pagamento, avverti subito PayPal e fai in modo di bloccarlo. I metodi truffaldini molto diffusi sono una decina, tra cui anche la richiesta di modifica password, che in realtà apre ai truffatori il tuo account. Allerta massima, dunque, prima di fare qualsiasi movimento con PayPal.