La Polizia di Stato denuncia una nuova truffa: anziani a rischio ad agosto

Polizia: truffa agli anziani con la scusa della vicina. Qual è il metodo usato che ha portato ad alcuni arresti

Foto Facebook

Purtroppo il mese delle ferie è noto anche per i diversi furti che avvengono in casa, approfittando dell’assenza per le vacanze. I truffatori e i ladri adottano sempre nuovi metodi per raggirare ignare vittime, soprattutto anziani.

La polizia di Firenze ha fermato tre persone che avevano messo a segno un colpo e stavo per effettuarne un altro, scampato grazie a una potenziale vittima che ha avvertito subito gli agenti.

Una signora di 80 anni si è trovata davanti la porta di casa due delle tre persone arrestate, una donna di 42 e un’altra di 46 anni. Avevano chiesto di entrare per recuperare degli oggetti caduto dal balcone del piano sovrastante: è il metodo cosiddetto della “falsa vicina di casa”.

L’80enne però non è caduta nella trappola e ha chiamato subito la polizia. Giunti sul posto i poliziotti sono stati attirati da un’auto con a bordo un uomo con atteggiamento di attesa. Infatti poco dopo dal palazzo sono uscite le due donne in fretta, pronte ad allontanarsi in macchina.

I tre (il complice in attesa in macchina è un uomo di 48 anni),
sono accusati di due episodi, di tentato furto e di uno andato invece a segno. Durante la perquisizione, infatti, in auto sono stati trovati circa 600 euro in contanti e alcuni gioielli, probabile bottino di un colpo messo realizzato poco prima in un quartiere poco lontano.

La Polizia avverte, nuova truffa agli anziani: qual è il metodo

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Qual è la dinamica della truffa? È stata ricostruita grazie al racconto di due anziane coinquiline che purtroppo sono state vittime dei tre.

Hanno raccontato che mentre una delle truffatrici è entrata in casa con la scusa di recuperare le cose cadute sul balcone, approfittando della porta lasciata socchiusa dalla complice l’altra persona sarebbe entrare nell’appartamento per rubare indisturbata. Dopo il fermo dei tre, la refurtiva è stata subito restituita alle legittime proprietarie.

La polizia consiglia a tutti i cittadini che hanno anziani in casa o che vivono da soli di ricordarli di non aprire mai a persone sconosciute e che per un ogni dubbio possono sempre allertare le forze dell’ordine. Inolte si può anche consultare la pagina con le truffe più frequenti organizzate a danno degli anziani.