Hamburger vegani: sono sicuri per la salute? Cosa c’è da sapere

Qualità degli hamburger vegani: sono sicuri per la salute? Cosa c’è da sapere su un mercato che è in espansione.

hamburger vegani
foto Canva

Mangiare bene e in maniera equilibrata è l’obiettivo che ognuno di noi dovrebbe porsi, per vivere meglio e in modo salutare. Senza dubbio, la scelta di sposare la causa dell’alimentazione vegana, da questo punto di vista, ha molti vantaggi. Altrettanti ne ha quella di eliminare o ridurre drasticamente nella propria dieta le carni rosse. Ma queste due scelte bastano davvero per vivere meglio e soprattutto siamo certi che i veg burger siano davvero salutari? Chiariamo un aspetto, prima di approfondire alcune casistiche. Mangiare vegano fa sicuramente bene, quel che va evitato è il ricorso a cibi troppo lavorati.

Cosa sapere sui rischi alimentari legati agli hamburger vegani

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Per questo, il dottor Aseem Malhotra, cardiologo britannico autore di numerose pubblicazioni scientifiche, qualche tempo fa – secondo quanto riportato dal tabloid The Sun – ha messo in guardia dal mangiare hamburger vegani in maniera prevalente. Il suo consiglio – è bene ribadirlo – fa esclusivo riferimento a questo tipo di prodotto. Anzi su questo prodotto acquistato in determinati luoghi. Secondo i suoi studi, infatti, i pasti vegani e vegetariani nelle catene di fast food “hanno più probabilità di farti venire un infarto rispetto agli hamburger di carne”.

Il cardiologo ha analizzato le principali catene di fast food e gli hamburger che hanno nei loro menù. I quattro più nocivi alla salute sono tutti classificati come vegan o veggie. Il dottor Malhotra ha avvertito le persone di non lasciarsi ingannare dal credo comune che il vegano o il vegetariano siano sempre salutari poiché si tratta di pasti “ultra elaborati”. Molti contenevano alti livelli di carboidrati raffinati e bassi livelli di proteine. Proprio le proteine ​​proteggono dagli alti livelli di insulina, il principale fattore scatenante negli attacchi di cuore. In molti di questi pasti venduti nei fast-food sono stati trovati anche alti livelli di zucchero e sale, oltre a “oli tossici“.

Si tratta di oli vegetali o di semi industriali, come girasole, soia o mais. La sua tesi è condivisa da altri esperti. Questi invitano a scegliere altri prodotti rispetto ai veg burger o in alternativa a prepararseli da soli in casa. Non solo: dobbiamo anche considerare quanto avvenuto in più occasioni nel nostro Paese. Diverse volte, hamburger vegani in vendita nei supermercati sono stati richiamati o ritirati dal mercato. In un caso eclatante, perché in decine di lotti in vendita in diverse grandi catene della GDO era contenuto ossido di etilene. Si tratta di un pericoloso pesticida ritenuto cancerogeno e che è stato individuato anche in altri prodotti vegetali, come bevande.