400mila euro per i dipendenti: il regalo nel testamento dell’imprenditore

L’incredibile storia di un’azienda delle Marche e del clamoroso testamento di uno dei titolari, Emidio Vagnoni. Ecco cosa è successo

emidio vagnoni operai
foto Canva

La crisi economica che attraversa l’Italia e l’Europa dal marzo 2020 è sempre molto solida e soprattutto molto presente. Una crisi che ha lasciato sul tappeto quasi 270 miliardi di euro ufficiali (quelli conteggiati nel Prodotto Interno Lordo, il PIL) recuperati solo per il 75%.

Una crisi che, da inizio 2022, deve fare i conti anche con gli effetti della guerra tra Russia e Ucraina, e con il volo dell’inflazione stimata all’8,6%. Per non parlare della stagnazione, la netta contrazione, dei consumi primari.

Tutti fattori che fanno temere l’avvento ormai prossimo di una nuova recessione. Ma contrariamente alle recessioni che hanno attraversato l’Occidente negli ultimi cinquanta anni questa recessione non è ciclica e pertanto difficilmente quantificabile.

Tutto questo rende difficile fare previsioni, studiare strategia e fare scelte oculate. Da tutto questo discendono terribili storie di perdita di lavoro, di chiusura di imprese di riconsegna del Codice Ateco.

Il grande lascito umano e industriale di Emidio Vagnoni

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Ma ci sono anche belle storie come quella che vi stiamo per raccontare. La Storia ha un presupposto triste, la morte, per Covid di un imprenditore marchigiano ma ha, al contempo, un finale pieno di speranza.

Ecco i dettagli. Nel giugno del 2021 Emidio Vagnoni, Mimmo per tutti, uno dei tre soci della Elettromedia SPA azienda leader a livello mondiale nel settore del Car Audio, si ammala di Covid. Dopo una lunga battaglia Mimmo muore ma, negli ultimi giorni di vita, prende una decisione incredibile.

Chiede carta e penna e scrive il testamento. Testamento che in questi giorni di inizio autunno, nel bel mezzo della crisi economica e della guerra, trova sua attuazione. Vagnoni ha chiesto ai suoi soci nell’impresa di Potenza Picena, centro di 15.000 abitanti in Provincia di Macerata, di erogare una parte del suo patrimonio.

Nello specifico ogni lavoratore dell’impresa ha ricevuto una cifra pari a 500 euro moltiplicati per ognuno degli anni in cui è stato dipendente della Elettromedia SPA. Anche quelli che sono andati via negli anni.

Un segno di gratitudine, di rispetto, di compartecipazione ai destini dell’impresa che dà il necessario per vivere, ma, soprattutto un modo di guardare oltre i limiti della proprio esistenza per lasciare nella testa, e nel ciclo produttivo della propria creatura, un marchio indelebile che porta il nome di Solidarietà.