Aumento pensioni INPS: quanto arriverà in più da novembre

Quali sono i bonus e le agevolazioni sulle pensioni programmate per i prossimi mesi? Le novità in fatto di adeguamento pensionistico sono queste!

Adeguamento pensionistico bonus pensioni prossimi mesi
(Adobe)

Stiamo attraversando un grave periodo di crisi economica ed energetica. Tanto che il governo ha stanziato e sta stanziando milioni di euro ai cittadini, sotto forma di bonus una tantum pensati per alleggerire le loro spese mensili. Tra le fasce di reddito più deboli vi sono sicuramente milioni di pensionati, che potranno beneficiare di alcuni bonus e adeguamenti previsti per i prossimi mesi.

In una nota pubblicata dall’INPS, infatti, si legge un riferimento a due interventi previsti dal Decreto aiuti bis per l’adeguamento delle pensioni. Il primo riguarda una rivalutazione dello 0,2% sul calcolo stimato dell’inflazione, prevista per novembre 2022. Tale differenza è derivante dallo scarto tra l’inflazione stimata all’1,7% e il suo valore effettivo all’1,9% nell’anno in corso. Il secondo è la corresponsione delle mensilità di ottobre, novembre e dicembre, più la tredicesima.

Le pensioni aumenteranno a partire da gennaio 2023

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

In tal senso è previsto un aumento delle pensioni del 2%, ma solo per coloro il cui reddito non super i 35mila euro lordi annui. Vale a dire all’incirca 16 milioni di Italiani. A partire da gennaio 2023, invece, è previsto un aumento per tutte le pensioni calcolato “sui dati provvisori dell’inflazione 2022 che attualmente è in forte crescita“, leggiamo nel comunicato INPS.

L’obiettivo dell’ente di previdenza sociale, infatti, è quello di “proteggere il potere d’acquisto delle pensioni rispetto all’aumento del tasso di inflazione“, per questa ragione “i trattamenti pensionistici erogati dall’Inps vengono sottoposti annualmente a una revisione degli importi in modo che risultino più adeguati al costo della vita. Questa revisione è detta perequazione“, continua l’INPS.

Per evitare di gravare troppo sulle casse dello Stato, tuttavia, gli adeguamenti pensionistici subiscono arresti o vengono applicati solo in maniera parziale superata una certa soglia di aumento. Tale cifra è fissata a 52,44 euro al mese per quanto riguarda l’aumento del 2% destinato all’anticipo del 2% sulla rivalutazione di gennaio 2023.