Tasse, che stangata che sta arrivando a breve

In questo periodo, anzi, tra non molto, bisognerà porre attenzione ad alcune scadenze davvero importanti da non trascurare.

tasse
(Adobe)

Sappiamo bene che in questo periodo tante categorie di cittadini e lavoratori non se la stanno passando di certo molto bene.

Certo, alcuni aiuti sono arrivati dal Governo, per esempio, grazie a dei bonus che hanno cercato di arginare una situazione assolutamente preoccupante.

Anche alcune aziende stesse, per esempio, hanno deciso di dare dei sostegni ai propri dipendenti, proprio perché consci della condizione attuale piuttosto allarmante.

Insomma, non è di sicuro un momento facile per nessuno, sia per i nuclei familiari che per tutti coloro che gestiscono un’attività. E, per la verità, a quanto sembra, pare che le cose non andranno benissimo nemmeno nel prossimo futuro.

Anzi, stando ad alcune fonti accreditate, sembrerebbe che i professionisti e le imprese avranno delle difficoltà non da poco. Ma, vediamo, per l’appunto, nelle prossime righe, di che cosa si tratta.

Sì, perché, a partire dal mese di novembre, ci saranno ad attenderli non solo le solite scadenze tra le quali l’Imu e l’acconto delle imposte dirette. In effetti, c’è qualcosa d’altro di cui tenere presente.

Per esempio, cominciamo con ricordare che gli artigiani e i commercianti dovranno versare, per l’appunto, i contributi fissi Inps.

Ma non solo, perché dal prossimo 30 novembre coloro che hanno avuto a che fare con la cosiddetta pace fiscale dovranno, quindi, saldare le rate della romattazione ter, e, per questo, avranno tempo fino al 5 dicembre.

Da non dimenticare, però, anche le imposte dirette, come, per esempio, l’Ires, l’Irpef, l’Irap, e altro ancora.

Gli altri dettagli

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Un’altra data da non scordare è quella del 27 dicembre, perché si è chiamati a versare  l’acconto Iva collegato alle liquidazioni peridodiche di chiusura dell’ultimo mese.

Non bisogna pensare, però, soltanto a quest’anno, ma persino a quello che verrà, anche perché, non manca molto al 2023. Così, dal prossimo gennaio si concluderanno i tempi dei prestiti agevolati.

Ciò sta a significare che coloro che in precedenza ne avevano beneficiato, a questo punto, dovranno pagare i relativi interessi e versare la quota del finanziamento che hanno per tempo ricevuto.

Insomma, è bene stare attenti a queste deadline che dovranno, per forza di cose, essere rispettati da chi è in codesta condizione.