Greta Scarano: che auto guida? Perché ha scelto questo modello

Greta Scarano ha raccontato un aspetto di sé stessa poco conosciuto e qual è stata la sua scelta per il mezzo di trasporto

Greta Scarano
Screenshot video

Dietro ogni volto noto si nasconde una persona semplice anche se a volta la popolarità che si porta dietro lo fa dimenticare allo spettatore. Greca Scarano non è da meno e affronta un problema dell’epoca con coscienza.

Attrice nota per il film, tra i vari, Suburra e nella trilogia Smetto quando voglio, ha a cuore l’ambiente. In un’intervista a La Gazzetta dello Sport ha spiegato che cerca di essere “meno impattante possibile sull’ambiente: dal consumo dell’acqua, all’uso della plastica”.

Greca Scarano, auto elettrica per non inquinare

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

E per tale motivo già da tempo guida una Volvo elettrica, con tutte le difficoltà del caso. Spiega infatti che andare in giro per Roma qualche anno fa con un mezzo del genere non era facile, ora per fortuna le cose sono cambiate e si trovano più colonnine per la ricarica.

Su consiglio della nonna ha preso la patente subito, per essere indipendente. Infatti ancora oggi, dice, è che guida in famiglia. L’esame di guida l’ha sostenuto il giorno dopo aver compiuto 18 anni ed era l’autista nelle serate tra amiche come il viaggio in Grecia l’anno dopo: amiche ubriache, lei sobria per stare al volante. Tutti ricordano la prima auto e lei non è da meno, soprattutto se conquistata con il sudore. Era una Ka grigia a Gpl comprata con i primi soldi guadagnati.

Poi il racconto della guida sul set di quando girava con Pierfrancesco Favino Senza nessuna pietà. Vestiva i panni di una escort con i capelli biondissimi e uno stuntman non la volle far guidare. “L’ho visto abbigliarsi con la parrucca e il top – dice –  non dimenticherò mai quell’immagine. Poi si è messo in macchina e hanno battuto il ciak”. Fu in quel momento che penso che la scena era per lei e che l’avrebbe girata senza alcun tipo di problema. Infatti si mise al volante e girarono di nuovo la sequenza.