Stop ai caminetti accesi: queste le motivazioni

La decisione è drastica ed è di quelle che farà discutere a lungo, fino al 31 marzo 2023 i caminetti non potranno essere accesi. I dettagli

Accensione Caminetti BonificoBancario.it 20221103
Accensione Caminetti (Foto Pexels)

La grave crisi energetica che attraversa l’Italia e l’Europa sembra giunta ad un punto di svolta positivo. Secondo quanto riferisce il report mensile di ottobre 2022 del Dutch Title Transfer Facility, il famigerato DTTF di Amsterdam, il mercato di riferimento del prezzo del gas, il prezzo al metro cubo della preziosa materia prima è sceso a 96,50 Euro.

Ad agosto del 2022 il prezzo del gas era di 350 euro mentre a gennaio, sempre di questo anno, era 120. Un dato estremamente importante perché ha impatto diretto tanto sul prezzo finale della bolletta del gas quanto di quello della luce. Con questi dati a gennaio 2023 il prezzo fissato da ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente sarà “solo” del 5% più alto rispetto al prezzo del 2021.

Accensione Caminetti, arriva il blocco inatteso

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Il dato in sé è estremamente positivo perché con l’inflazione all’11% con un potenziale di crescita del 15 avere un aumento delle materie prime cosi basso può portare benefici tanto alle tasche delle famiglia quanto ai conti delle imprese.

Ma a gennaio mancano ancora due mesi, tre se si considera che le bollette con i nuovi prezzi sono previste per i primi di febbraio e fino ad allora occorrerà fare di necessità virtù.

Ed è esattamente quello che hanno fatto alcuni sindaci della Regione Toscana, per la precisione cinque della Piana di Lucca (Altopascio, Capannori, Montecarlo, Porcari ed il capoluogo) e otto della Valdinievole (Chiesina Uzzanese, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese e Uzzano).

Ma cosa hanno fatto i sindaci in questione. Con una ordinanza “fotocopia” introdotta nei territori dei tredici enti locali hanno imposto ai propri cittadini di non accendere i caminetti fino alla data del 31 marzo 2023.

Ovviamente sono previste tutta una serie di eccezioni, i divieti valgono per i fuochi all’aperto, per tutti i generatori di calore attivati con le biomasse ma non valgono ad esempio per i residenti nelle colline e nelle campagna sopra i 200 metri di altezza a livello del mare.

Una misura drastica che ha una doppia valenza, ridurre le emissioni di Anidride Carbonica nell’aria ed abbattere i costi legati alla produzione di materiale per le accensioni