Quanto costava un caffé al bar negli anni Novanta: da non credere

Quanto costava un caffé negli anni Novanta: chi oggi ha vent’anni o poco più non può ricordarlo. Confrontiamo i prezzi

Pexels

Quante volte abbiamo sentito dire che con l’euro tutto costa di più? Al cambio di valùta chi ha redditi medio-bassi sicuramente non ha guadagnato. Naturalmente, in un mondo di fantasia, se la lira fosse rimasta in vigore, per l’inflazione i prezzi sarebbero comunque aumentati, ma in questo modo?

Ovviamente non possiamo rispondere a questa domanda ma possiamo vedere quanto costavano certe cose. Partiamo però da un dato, forse scontato ma è meglio ricordare, soprattutto per i più giovani che non hanno vissuto il cambio vent’anni fa.

Nel 2002 1 euro era pari a 1.936,27 lire. Quasi 2.000 lire con le quali ogni mattina si poteva comprare caffè e cornetto al bar e forse si riceveva anche il resto.

Quanto costava un caffé al bar negli anni Novanta: il confronto

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Appunto, il caffè. Oggi non lo troviamo mai a meno di 1 euro, anzi: ormai è fisso a 1,10-1,20 euro. Ma prima, quanto costava? Meno di 1.000 lire (dunque non più di 52 centesimi), ossia 900 lire e solo nei bar più importanti poteva arrivare a 1.000 lire e forse anche a qualcosa in più.

A metà anni Novanta un buon caffè costava circa 1.200 lire con un aumento di circa 200 lire (che era anche una moneta) alla fine del secolo. Nei primi anni 2000 invece arrivò a toccare 1.500 lire e fermarsi lì con l’arrivo dell’euro.

Le prime tazzine al banco nella nuova era della moneta unica li abbiamo pagati 70-80 centesimi. Negli ultimi mesi c’è stata la stangata a causa della crisi energetica acutizzata (perché era già in corso) con la guerra che la Russia ha mossa all’Ucraina lo scorso febbraio.

Vediamo com’è lievitato il prezzo di un altro prodotto amatissimo dagli italiani, la pizza margherita. Alla fine del decennio dei Novanta erano sufficienti 5-6.000 lire (2,50-3,00 euro), mentre oggi si va dai 6 euro in su.

Proviamo a fare un altro passo indietro, negli anni Ottanta. A Napoli, capitale della pizza. Una marinara (la più economica in assoluto) costava 2.000 lire. La storia non si fa con i “se” ma a volte è difficile non domandarsi quanto costerebbe oggi fare la spesa se in tasca avessimo ancora le banconote con i volti di Maria Montessori, Alessandro Volta e Caravaggio.