Medici italiani tra i meno pagati d’Europa: svelato il conto in banca

I medici italiani, così come gli infermieri, hanno gli stipendi più bassi rispetto ai colleghi continentali

Pixabay

Gli eroi della pandemia ricevono solo gratificazioni verbali. Tanti applausi e pochi soldi. Il personale sanitario è stato (giustamente) glorificato per gli sforzi fatti durante le fasi più acute della pandemia con turni più che massacranti, ma medici e infermieri italiani sono più poveri rispetto agli altri colleghi stranieri.

A dirlo non sono i diretti interessati che vogliono solo lamentarsi delle condizioni ambientali ed economiche in cui sono costretti a lavorare. I numeri sono dell’Ocse (Organizzazione per la sicurezza e la Cooperazione in Europa) e mostrano una situazione molto squilibrata. Un medico italiano guadagna il 40% di un belga e addirittura il 70% in meno rispetto a un tedesco.

Non a caso 1.500 giovani fuggono all’estero ogni anno. Un’emorragia quotidiana con 7 medici e dirigenti aziendali che mediamente si licenziano ogni anno.

Medici italiani più poveri dei colleghi: confronto anche per gli infermieri

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Mediamente in Italia lo stipendio medio del 2020 di un infermiere, considerato in dollari, è pari a 39mila. I colleghi belgi arrivano a 87mila come gli americani. Basso il confronto anche con i tedeschi (anno 20118 però) che arrivano a guadagnare 59mila all’anno, 56mila gli spagnoli e 48mila i britannici. In Europa peggio degli italiani sono greci e ungheresi, ma con una differenza di poco.

Per quanto riguarda i medici, gli olandesi si fermano a 190mila dollari, dunque gli italiani sono a circa il 72% in meno, 187mila i tedeschi, 155mila i britannici (meno 41%) 140mila i belgi (meno 27%) e meno 8% con i francesi  (ma per i transalpini il dato è del 2019. Dando uno sguardo all’estero, le differenze sono ancora più marcate perché le professioni mediche sono molto valorizzate e guadagnano di più.

Ovviamente, come per ogni paragone economica, bisogna sempre considerare il costo della vita che comunque con la guerra in Ucraina e la conseguenze crisi inflazionistica, è cresciuto ovunque. In Corea del Sud un medico guadagna mediamente 195mila dollari, in Cile 136mila e in Nuova Zelanda 132mila.