Arrivano 100 euro di aumento di stipendio per loro

Non solo un aumento di stipendio ma anche gli arretrati dovuti per i mancati rinnovi dei contratti per tutti i dipendenti scolastici sono in arrivo.

Rinnovo contratto dipendenti scolastici arretrati in arrivo
(Adobe)

Il 10 novembre è stata firmata un’intesa tra governo e sindacati in materia di rinnovo dei contratti del personale scolastico. In seguito a ciò solo è previsto un aumento di stipendio di circa 100 euro lordi per questi ultimi, ma a dicembre potrebbero addirittura arrivare gli arretrati dovuti per gli ultimi anni di vigenza contrattuale.

Si parla di cifre che potrebbero arrivare fino a 3mila euro, dunque un’ottima notizia (o un bel regalo di Natale) per tutti i dipendenti scolastici, compreso il personale ATA. Dall’ultimo rinnovo contrattuale, avvenuto nel marzo 2018, sono infatti passati più di 4 anni. Il recente accordo con i sindacati è invece relativo ai contratti dal 2019 al 2021 e interesserà più di 1,2 milioni di dipendenti pubblici scolastici, tra cui più di 850mila insegnanti.

Oltre all’aumento di 100 euro arrivano anche gli arretrati

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Per il mese di dicembre è dunque previsto non solo il versamento dello stipendio, ma anche quello della tredicesima e degli arretrati in oggetto. Dopo consultazioni durante più di 7 ore, infatti, il governo ha deciso di stanziare i primi 100 milioni di euro per l’attuazione di tali misure. Rimandando al 2023 il reperimento di ulteriori fondi tramite la nuova Legge di Bilancio.

Gli arretrati e l’aumento di stipendio pari a circa 100 euro lordi non dovranno essere richiesti tramite domande specifiche, ma verranno versati sui cedolini dello stipendio di dicembre in automatico.

A commentare il recente accordo raggiunto è stata Giorgia Meloni, presidente del Consiglio, facendo riferimento alla volontà del governo di investire nell’istruzione e nella formazione dei giovani, “essenziale per un paese avanzato che voglia competere tra le moderne economie della conoscenza“.

Anche il ministro dell’Istruzione e del Merito Valditara ha commentato l’accordo con i sindacati. Definendolo come “un nuovo modo di intendere il rapporto tra il governo e le parti sociali. Impostato sul confronto costruttivo e sulla risoluzione pragmatica dei problemi“.