Trucco WhatsApp utilissimo: così nascondi l’ultimo accesso

Chi è attento alla propria privacy sarà contento di scoprire l’ultima novità di WhatsApp, che permette di nascondere l’ultimo accesso con un trucco.

Nuova funzionalità WhatsApp nascondi ultimo accesso
(Pexels)

Gli utenti che usano WhatsApp del mondo si stimano a quasi 2 miliardi, una cifra astronomica per l’app di messaggistica. WhatsApp è infatti la più utilizzata e anche per questo è in costante aggiornamento da parte dei tecnici e del team di ricerca. Per conservare la fiducia dei propri clienti, infatti, è sempre bene introdurre nuove funzionalità che possano stimolarne l’attenzione.

In particolare WhatsApp ha introdotto un nuovo “trucco” che permette di proteggere la nostra privacy, soprattutto quando si tratta di far sapere che cosa abbiamo fatto o cosa stiamo facendo in un certo momento. Con la nuova funzionalità introdotta dall’app che fa riferimento alla società madre Meta, infatti, si può nascondere l’ultimo accesso sull’app.

L’ultimo accesso su WhatsApp adesso è segreto!

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Per farlo basta recarsi nella sezione privacy delle impostazioni dell’app e selezionare l’opzione che preferiamo. Si può decidere di mostrare l’ultimo accesso solo ai contatti, di nasconderlo solo a contatti selezionati oppure a tutti i contatti. Ciò rende possibile gestire i propri tempi al meglio, specialmente quando si tratta di rispondere a messaggi non troppo graditi.

Sebbene WhatsApp tenga alla privacy dei propri clienti (pensiamo anche all’opzione delle spunte blu di visualizzazione che possono essere disattivate), a volte possono capitare fughe di dati online che la mettono a repentaglio. Nei giorni scorsi, ad esempio, un noto gruppo di hacker ha fatto sapere di essere in possesso di un database molto particolare.

Si tratta di quasi 500 milioni di numeri di utenti di WhatsApp attivi in tutto il mondo, che il gruppo di hacker avrebbe intenzione di vendere al migliore offerente. Le modalità in cui questi sono riusciti a entrare in possesso dei dati non sono chiare, così come non è chiaro lo scopo di questa operazione. Verosimilmente si può pensare a scopi di marketing, impersonificazione, phishing o frode.