La nuova truffa se hai un conto in banca: state attenti

Truffa con il conto in banca: tutti i titolari di una carta devono guardarsi bene da certi tentativi di raggiro che avvengono ogni giorno

truffa
Adobe

Molti italiani purtroppo sanno bene cosa significa restare vittima di truffe. Soprattutto da quando tutti abbiamo gli smartphone in tasca, il numero di tentativi sono aumentati e tanti sono andati purtroppo a buon fine.

I truffatori hanno sempre l’arma giusta per raggiungere i loro scopo. Per tale motivo la guardia non va mai abbassata ed è importante informare sempre su vicende del genere.

Truffa, attenzione alla clonazione della carta

Nella maggior parte dei casi si vogliono ottenere dati bancari. Si potrebbe dire che accanto alle “nuove” truffe ci sono quelle che sono sempre le stesse; nonostante siano conosciute, in molti cadono nelle trappole come la clonazione delle carta di credito.

Come funziona questa truffa? Quando si inserisce la carta in un ATM manomesso, tutti dati identificativi vengono registrati e i truffatori potranno fare ciò che vogliono. Non hanno il Pin ma possono comunque fare molti acquisti contact-less.

Phishing per sottrarre i dati

Tra le truffe più comune c’è quella del phishing. Avviene via email o sms. Chi invia il messaggio finge di essere la banca, le poste o ad esempio l’Inps. C’è sempre in allegato un link al quale si chiede di accedere ad esempio per risolvere un problema.

LEGGI ANCHE: Disinstallare WhatsApp è sicuro? Ecco cosa può succedere

Non bisogna mai seguire le indicazione. Questi enti non inviano mai i link. L’obiettivo è ottenere i dati sensibili come il Pin della carta. Se va in mani sbagliate, in poco tempo si resta senza un euro sul conto.

LEGGI ANCHE: Truffa Reddito di Cittadinanza INPS: arriva la condanna

Se dovesse capitare un episodio del genere, prima di fare qualsiasi cosa bisogna accertarsi che a scrivere è realmente quell’ente. Il consiglio è provare a contattare usando il numero di telefono ufficiale. È importante anche mantenere la calma e non farsi prendere la panico. I dati personali e soprattutto il Pin non va mai dato fornito, per nessuna ragione neanche all’impiegato in banca, di persona o per telefono.