Bonus Disoccupati 2023: ecco come fare richiesta

Per il 2023 è in arrivo un nuovo incentivo statale: si tratta del bonus disoccupati, che si potrà richiedere secondo queste modalità.

Bonus dedicati disoccupati ISEE 15mila euro
(Adobe)

Il nuovo governo ha esplicitato la propria intenzione di concentrarsi sull’inserimento nel mondo del lavoro dei cittadini non occupati. Ed è proprio in questa ottica che si innesta ad esempio l’intenzione di abolire il Reddito di Cittadinanza a partire da fine 2023. Le nuove direttive in materia parlano chiaro: già a partire da gennaio non si potranno inoltrare nuove domande. Inoltre il RdC non si potrà ricevere per più di 8 mensilità consecutive e decadrà alla prima offerta di lavoro rifiutata da parte del percettore di reddito.

Ciononostante esistono ancora alcuni bonus dedicati ai disoccupati (il Reddito di Cittadinanza è uno di essi), i quali hanno subito alcune modifiche ma possono ancora essere richiesti secondo determinate modalità e in base a requisiti precisi.

Bonus per disoccupati: quali e come chiederli

A ciò vanno ad aggiungersi trattamenti come la Naspi (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) oppure la Dis-Coll. Entrambe sono indennità di disoccupazione, ma la seconda è dedicata ad alcune categorie specifiche di lavoratori che perdono l’impiego indipendentemente dalla propria volontà. Alcuni esempi ne sono: collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto, assegnisti e dottorandi di ricerca con borsa di studio.

Per i lavoratori del settore agricolo, inoltre, è prevista la cosiddetta disoccupazione agricola. Rientrando in un requisito di reddito fissato a un massimo di 15mila euro di ISEE, i disoccupati possono accedere a una serie di bonus. Alcuni esempi sono:

  • il bonus animali, per le famiglie con animali domestici. Tale indennizzo può arrivare fino a 900 euro annui nel caso l’ISEE non superi i 7mila euro.
  • Il bonus figli, vale a dire l’assegno unico universale, la cui platea di percettori è stata ampliata per l’anno venturo.
  • Il bonus asilo, anch’esso pensato a favore delle famiglie con figli piccoli a carico che ha valore massimo di 3mila euro per famiglie con redditi particolarmente bassi.
  • Il bonus sociale, pensato per aiutare i meno abbienti ad affrontare il temuto caro-bollette.

LEGGI ANCHE -> Bonus Pellet: finalmente torna a costare meno

LEGGI ANCHE -> Agevolazioni per l’acquisto della casa, cosa devi sapere per non perdere il contributo

Per richiedere e ottenere tali bonus è necessario autenticarsi sul sito dell’INPS tramite identità digitale Spid o carta di identità elettronica. Inoltre ci si potrà rivolgere anche ai CAF per portare avanti le stesse procedure.