2023, su quali Bonus potrai ancora contare

Anche per il prossimo anno, dunque, pare proprio che il Governo abbia deciso di tenere intatti alcuni incentivi.

bonus 2023
Bonus (Adobe)

Come ci siamo potuti rendere conto, in questi ultimi mesi, sia il Governo precedente che quello attuale, ha erogato dei sostegni economici per aiutare soprattutto le fasce più deboli.

Ecco che, allora, probabilmente, anche voi che state leggendo potreste perlomeno aver beneficiato di qualche contributo pecuniario.

Comunque sia, alcuni di questi, come per esempio, il Bonus Trasporti, è probabile che non saranno rinnovati. Infatti, il sostegno per i mezzi pubblici, molto utile per chi fa il pendolare o prende autobus e metropolitana quotidianamente, scade il prossimo 31 dicembre.

Dopo questa data, quindi, non sarà possibile richiederlo nuovamente, o, almeno, queste sono le informazioni recenti che sono state riportate.

Tuttavia, per fortuna, ci sono altri bonus che, stando a fonti accreditate, potrebbero di sicuro tornare anche il prossimo anno. Vediamo, allora, nelle prossime righe, di capire meglio di quali si tratta.

Cominciamo, dunque, questa breve carrellata con l’Assegno Unico che viene erogato alle famiglie che non superano un reddito pari a 40 mila euro. Inoltre, verrà introdotto un aumento del 50 per cento proprio per quanto riguarda il primo anno di vita del figli.

Gli altri dettagli

Ciò però, beninteso, è riferito a coloro che hanno almeno tre figli a carico. In secondo luogo, sembra che anche il Bonus Bollette rimarrà al suo posto per il primo tremestre del prossimo anno. E la soglia Isee, a quanto pare, è salita a 15 mila euro annui.

Soffermandoci, ora, sul cosiddetto Credito di imposta per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale, anche in questo caso verrà tenuto tale fino ai primi tre mesi del prossimo anno. Anche se, c’è una novità: gli esercenti e i commercianti hanno un aumento del 35 per cento .

il Bonus Mobili, quindi, dovrebbe proprio rimanere. Si tratta, per chi non lo ricordasse, della detrazione del 50 per cento per l’acquisto di mobilio ed elettrodomestici che possono far risparmiare energia. Il limite di spesa ora è di 8 mila euro.

LEGGI ANCHE –> Bonus addio: le scadenze del 31 dicembre 2022

LEGGI ANCHE –> Manovra Governo Meloni: cosa cambia per tasse, bonus e pensioni

Il Superbonus, invece, di cui si è tanto parlato, per il prossimo anno avrà una percentuale del 90 per cento e ne potranno beneficiare anche tutti i proprietari che possiedono singole abitazioni e che hanno un reddito più basso di 15 mila euro annui.