Addio Bonus nel 2023: brutte notizie per gli italiani

Bonus nel 2023: tra abolizioni e ridimensionamenti molte agevolazioni non ci saranno più. Cosa cambia nell’anno appena iniziato

bonus 2023
Adobe – Bonificobancario.it

Dal 1 gennaio non c’è più il taglio delle accise su benzina e gasolio (nonostante la Meloni all’opposizione attaccasse i governi in carica accusandoli di non fare nulla in tal senso). Scompaio anche altri bonus ne 2023, dai trasporti alle facciate degli immobili passando per 200 euro prima e 150 poi contro il caro vita.

Alcune agevolazioni restano in vigore, altre hanno anche un numero maggiore di beneficiari. È il caso del Bonus sociale, lo sconto automatico sulle bollette di luce e gas, con la soglia che da 12mila euro di Isee sale a 15mila.

Le premier vuole puntare più sulle riforme strutturali. Idem per le pensioni. Con il nuovo anno è in vigore Quota 103 (62 anni d’età e 41 di contributi per lasciare il lavoro), ma nei prossimi mesi dovrebbe essere scritta una nuova legge.

Addio Bonus nel 2023: quali sono stati aboliti

Vediamo però quali sono i bonus che non ci saranno più quest’anno. Addio ai 200 e 150 euro introdotti da Draghi. Il primo era per chi aveva redditi inferiori ai 35mila euro, il secondo per chi non superava i 20mila. Ricordiamo che si trattava di provvedimenti una tantum.

Stop anche allo sconto sui carburanti con le accise che da 30,5 erano passate a 18,3 centesimi. Dunque in termini pratici per ogni litro si paga 18,3 centesimi in più.

LEGGI ANCHE: Doppio Bonus di gennaio direttamente in Busta Paga

C’era infine il bonus trasporti consistente in un voucher da 60 euro per l’acquisto di abbonamenti dei mezzi del trasporto pubblico locale o ferroviario. Si poteva chiederlo fino al 31 dicembre 2022 e nella Legge di Bilancio non c’è traccia.

Non scompare ma viene ridimensionato il Superbonus 110%. Resta a tale percentuale per chi ha presentato la Cila entro l’ultimo giorno del 2022. Chi lo fa dal 2023 l’agevolazione è del 90%. Prima previsto al 90%, sceso a 60% nel 2022, nel 2023 è eliminato invece il Bonus facciate.

Addio ai bonus tv, non rinnovati per il 2023. I fondi sono terminati il 12 novembre 2022 e non c’è stato un nuovo finanziamento. Era utile a chi aveva un Isee di massimo 20mila euro e consentiva l’acquisto di tv e modem con un contributo di 50 euro.

Il fine era aiutare la popolazione economicamente più debole visto che molti dispositivi non riuscivano più a ricevere il segnale per via dei nuovi standard di trasmissione Dvbt-2/Hevc.

LEGGI ANCHE: Incentivi Auto 2023: ecco che fine fanno i bonus più amati

Cancellato infine anche il bonus rottamazione. Non aveva limiti d’Isee. Consisteva in uno sconto di 100 euro per l’acquisto di una nuova tv dando in cambio la vecchia.