Nuovo Bonus Casa Green: quali sono i requisiti

Nuovo Bonus Casa Green: cosa prevede l’agevolazione scritta dal governo per dare una spinta al mercato immobiliare

Adobe – Bonificobancario.it

Per il 2023 la Legge di Bilancio ha cancellato diversi bonus e agevolazioni. Via il bonus facciate e quello dei trasporti. Ridotto il 110% al 90% e non sono state rinnovate una tantum da 200 e 150 euro.

C’è però il Bonus casa green per gli acquisti di unità immobiliari destinati a residenza, entro il 31 dicembre 2023. Il fine è cercare di dare una scossa al mercato immobiliare, fermo al palo per la pandemia prima e l’inflazione poi.

Nuovo Bonus Casa Green: cosa prevede e quali sono le altre agevolazioni

Per rendere il bonus effettivo manca ancora il fondamentale passaggio tecnico del decreto attuativo. Quando tutto sarà pronto, vediamo quali sono i benefici e cosa prevede la legge.

Per unità immobiliari a destinazione residenziale ad alta efficienza energetica si intende quelli di classe energetica A e B. Secondo la legge in tutto le classi energetiche sono 10 e dalla A4 in poi scatta quello di massimo risparmio. L’ultima, la meno efficiente da questo punto di vista, è la G.

LEGGI ANCHE: Tasse prima e seconda casa: ecco come variano

Il bonus prevede la detrazione Irpef del 50% dell’importo corrisposto per l’Iva in fattura. La detrazione deve essere ripartita in 10 quote nell’anno. Altre agevolazioni del bonus casa green sono una facilitazione sul pagamento delle imposte di registro, ipotecarie e catastali con un taglio di 200 euro sull’acquisto da sommare al taglio dell’Iva.

Inoltre ci sono anche altre agevolazioni sugli interventi di riqualificazione o efficientamento energetico. È possibile richiedere una detrazione del 50% delle spese sostenute per lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento.

C’è l’ecobonus o il sismabonus con detrazione fino al 75% in base alla tipologia di spesa sostenuta, il bonus verde al 36% e fino a 5mila euro per i lavori di rifacimento o la manutenzione di giardini e terrazze. E ancora: il bonus mobili ed elettrodomestici al 50% su una spesa da 5mila a 8mila euro sostenuta nel 2023.

LEGGI ANCHE: Addio Bonus nel 2023: brutte notizie per gli italiani

Come accennato resta in vigore il bonus facciate al 60% che riguarda tutti i lavori effettuati sull’involucro esterno visibile della costruzione. Infine i lavori di ripristino e il miglioramento delle caratteristiche termiche dove manca l’impianto di riscaldamento.