Canone RAI: ecco perché continuerai a pagarlo

Canone Rai abolito? Sempre sempre più impossibile che ciò possa avvenire: cosa dicono gli ultimi dati disponibili

Canone Rai
Adobe-Bonificobancario.it

Il canone Rai è certamente una delle tasse più odiate in Italia perché legata al possesso più che all’uso. Spesso infatti si fa il paragone con il bollo auto che ha la stessa natura.

Anche se la vettura è ferma in garage, bisogna pagare. Allo stesso modo avviene per la tv pubblica. Se non si è spettatori dei canali Rai, si paga il possesso del televisore.

Dal 2016, su iniziativa del governo Renzi, il canone è inserito nella bollette elettrica che è bimestrale dal valore di 18 euro. In pratica il canone costa 9 euro al mese.

Canone Rai: le entrate dell’azienda

Quanto guadagna la Rai con il canone? Proviamo a rispondere a questa domanda, ricordando che ovviamente l’azienda non regge tutte le proprie spese solo su questa entrata. La parte più grande la fanno gli sponsor.

LEGGI ANCHE: Per chi aumentano le pensioni di febbraio

L’ultimo bilancio disponibile risale al 2021. Emerge un pareggio dei conti e un’evasione minore grazie proprio al sistema dell’ancoraggio del canone alla bolletta elettrica.

1,761 miliardi di euro è il ricavato della Rai dal canone e dunque questa sarebbe la cifra che l’azienda della tv pubblica dovrebbe poi trovare se il canone venisse abolito come tanti italiani vorrebbero.

Da anni si discute di ciò e non mancano sul web articoli di disinformazione e vere e proprie fake-news secondo i quali puntualmente un politico propone l’abolizione, ma ciò sembra quali impossibile. Più realistica l’idea di una diminuzione, ma è possibile?

I conti

Dal 2020 la Rai ha aumentato di circa il 2% non solo la platea di spettatori ma anche gli incassi. Dal 2011 al 2015, l’ultimo quinquennio in cui il canone era slegato alla bolletta, l’evasione attestata è pari a circa 50 milioni di euro.

Maggiori entrate vengono dal comprato pubblicitario, sia televisivo che digitale. Inoltre è sotto gli occhi di tutto la grande crescita del servizio RaiPlay. Molte serie attese dal pubblico, infatti, vengono messe prima online sulla piattaforma e poi trasmesse in chiaro in televisione.

LEGGI ANCHE: Con Poste Italiane, basta l’app per richiedere i dati ISEE

Come detto il bilancio della Rai nel 2021 è in pareggio e ciò significa che la situazione finanziaria non è delle migliori, anche se in miglioramento rispetto al 2020. Ragione per cui se l’eliminazione del canone è impossibile, la diminuzione è fortemente sconsigliata.