TARI 2023: quando va in prescrizione e puoi non pagarla

Tari 2023, anche il Comune che deve riceverla deve rispettare delle leggi: i casi in cui il cittadino evita il tributo

tari 2023
Pixabay – Bonificobancario.it

Il pagamento della Tassa sui rifiuti, più conosciuta come Tari, è un’imposta comunale molto importante perché raccoglie buona parte delle entrate degli enti locali.

Sono chiamati all’obbligo tutti i possessori o detentori di immobili e aree in grado di produrre rifiuti urbani. Le tasse non sono mai amate ma questa, insieme al bollo auto, lo è ancora di meno. Infatti non dipende dall’effettivo utilizzo ma deve essere pagata a prescindere. Esiste però un caso in cui è possibile non farlo

Tari 2023, il caso in cui non si paga

È quando entra la prescrizione. Un po’ come i tempi della giustizia che evitano all’imputato qualsiasi tipo di condanna, se il Comune supera i limiti di tempo per pretendere il pagamento, il debito si annulla.

LEGGI ANCHE: Cosa fare se arriva una raccomandata con codice 6951

Essendo un’imposta di tipo locale, ha tempi di prescrizione più brevi rispetto alle imposte statali. Precisamente la Tari ha un termine di 5 anni e il conteggio deve partire dal 1 gennaio dell’anno successivo a quello in cui matura il tributo. In pratica all’anno dopo quando bisogna pagare.

A conti fatti il Comune ha tempo per richiedere il pagamento entro il 31 dicembre del quinto anno. È fondamentale considerare la data della raccomandata.

Cosa deve fare il cittadino

Il conteggio degli anni utili alla prescrizione inizia dal 1 gennaio. È una regola che consente di avere una disciplina uniforme e più semplice da controllare. Siccome il 2023 è cominciato da dopo, di recente sono andati in prescrizione alcuni debiti sulla Tari. Dunque per il 2023 non è più dovuto il pagamento per il 2017.

Se dovessero arrivare avvisi di pagamenti relativi al 2017 o prima ancora, il cittadino non dovrà limitarsi a non pagare ma deve impugnare la richiesta di pagamento entro 60 giorni dall’arrivo. Per tale motivo è fondamentale controllare bene la data.

La legge sulla prescrizione della Tari si applica anche alla cartella di pagamento della stessa. È importante nel caso in cui il Comune abbia previsto a richiedere il pagamento nei tempi previsti, ma che per il mancato saldo del tributo sia stato iscritto a ruolo.

LEGGI ANCHE: L’email da Equitalia che prosciuga il conto e fa scattare l’allarme

Per un caso del genere, il Comune si affida a un agente per la riscossione esattoriale, cioè il recupero coattivo dell’importo. L’iter prevede per prima cosa l’invio della cartella di pagamento che come la Tari stessa va in prescrizione dopo 5 anni.