Ricalcolate le pensioni: ci pensa l’INPS a fare un regalo

Pensioni, c’è la rivalutazione e l’Istituto ha spiegato quali sono gli importi per ogni pensionato in vista dei prossimi mesi

Adobe – Bonificobancario.it (9)

L’Inps con la circolare del 22 dicembre 2022, la numero 135, ha informato i titolari degli assegni pensionistici quali saranno gli importi in base alle rivalutazioni previste della norma.

Considerando l’inflazione (che ha raggiunto cifre storiche) la legge prevede che gli importi delle pensioni devono aumentare in base alla percentuale del caro-vita.

Pensioni: gli importi di febbraio

Un decreto del Ministero dell’Economica di novembre scorso ha stabilito l’aumento del 5,3% con un 2% pagato già proprio per fronteggiare la crisi. Ciò però non significa che tutti vedranno l’applicazione di questa percentuale. La manovra economica del governo ha infatti stabilito chi dovrà ricevere la rivalutazione piena al 100% (dunque del 7,3%) e chi di meno.

LEGGI ANCHE: In pensione a 64 anni, così la Francia copia l’Italia

Innanzitutto ricordiamo che l’aumento è previsto anche per le minime per chi ha almeno 75 anni: si passa da 525 euro al mese a 600 euro.

Sono sei gli scaglioni previsti dalle legge. Riceverà il massimo della rivalutazione chi ha un pensione netta quatto volte il valore della minima, quindi chi ogni mese non supera i 2.100,00 euro.

Più aumenta l’assegno base e minore sarà la percentuale della rivalutazione. Per chi ha una pensione che è tra le quattro e le cinque volte la minima, l’aumento sarà dell’85%. Se le cinque e le sei volte l’importo minimo, invece, dovrà calcolare più 53%.

Per le pensioni sei volte l’importo minimo e fino a otto volte, ecco la rivalutazione al 47%. Tra le otto e dieci volte, invece, il 37%. Infine un aumento del 32% per chi ha un importo tra le dieci e più volte il valore minimo.

A gennaio sono state erogati degli importi del primo scaglione. Da febbraio dunque, a scalare, tocca agli altri scaglioni. In pratica i pensionati più ricchi dovranno attendere tra marzo e aprile.

LEGGI ANCHE: Bonus Spesa con ISEE a 15mila euro

Per alcuni le cifre sono troppo basse visto il caro energia. È comunque una grande fortuna avere la fortuna della pensione (meritata dopo una vita di lavoro) e ottenere aumenti automatici per legge. C’è chi vive situazioni ancora più difficili per le condizioni contrattuali.