Pochi soldi, troppe spese. Ecco una tecnica per arrivare a fine mese e risparmiare!

Gestire lo stipendio per arrivare a fine mese sembra un’impresa impossibile. Una semplice regola svela il segreto per renderla possibile e risparmiare nonostante le spese.

Tecnica per risparmiare
Contanti (foto da Pixabay)

Soldi sempre pochi, spese sempre tante. Sembra essere il motto del secolo. Eppure avere un gruzzoletto da parte per fronteggiare spese future o per togliersi qualche sfizio è un pensiero che hanno in tanti.

Non ci sono altri metodi per fare soldi se non quello di lavorare e di risparmiare. Il sogno di una vacanza, di una macchina o di sentirsi sicuri difronte a qualsiasi imprevisto non deve per forza rimanere solo un sogno. Risparmiare è possibile se si sa come farlo.

Il miglior rimedio contro un conto in rosso a fine mese potrebbe celarsi in un criterio semplice se seguito con scrupolosità. Un criterio che permetterà di gestire il proprio reddito in modo intelligente, così da fronteggiare le spese imprescindibili e risparmiare per sé stessi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —>Colloquio di lavoro: l’abito fa la differenza. Consigli per un giusto outfit

La regola del 50-30-20

Regola 50-30-20
Grafico (foto da Pixabay)

Scaturita da anni di ricerche questa regola venne proposta dalla professoressa di Harvard, e senatrice americana per il Massachusetts, Elizabeth Warren. La dottoressa Warren citò questa regola per la prima volta all’interno del libro: “All Your Worth: The Ultimate Lifetime Money Plan”, e venne poi divulgata dalla rivista Forbes.

La semplice regola del 50-30-20 può aiutare a sopravvivere con il proprio stipendio utilizzando una chiara suddivisione delle entrate:

  • Il 50% del reddito va destinato alle spese importanti. L’affitto, le bollette, le rate della macchina, l’acquisto di generi alimentari.
  • Il 30% è invece il fondo destinato a spese che possono essere considerate superflue per la sopravvivenza dell’individuo, come ad esempio la quota della palestra, le cene del sabato sera o lo shopping ogni settimana.
  • Il 20% infine è la quota per i risparmi. Se si riesce a mettere da parte un 20% del proprio stipendio ogni mese si potrebbe avere quel gruzzoletto che tanto si sogna.

Facendo un esempio pratico. Con uno stipendio base di 1.400 euro la metà, 700 euro, dovrebbe essere devoluta alle spese importanti. Il 30%, e quindi 430 euro, andrebbe a coprire le spese superflue, con la conseguenza di un risparmio mensile di 280 euro che diventerebbe di 3.360 euro nel giro di un solo anno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Bancomat clonati, a cosa devi prestare attenzione? Non l’avresti mai detto – FOTO

Quindi, cosa bisogna fare per iniziare a gestire in modo intelligente il proprio reddito mensile?

  1. Definire le proprie entrate
  2. Dare una priorità alle spese
  3. Attuare la regola del 50-30-20

Se il QUANTO è importante il QUANDO lo è ancora di più. Infatti la suddivisione delle percentuali, e quindi delle proprie finanze, devono essere fatte subito, nel momento in cui arriva lo stipendio. Se ad ogni esigenza viene attribuita la sua percentuale immediatamente si avranno ottime possibilità di arrivare al prossimo stipendio senza l’acqua alla gola.

Non dimenticate che la regola è solo una linea guida. Ognuno dovrebbe adattarla secondo le proprie esigenze giocando sulle percentuali, riflettendo sulle priorità così da poter ottenere i migliori risultati per la gestione del proprio reddito.