“Scusate per il malfunzionamento”. Quanto è costato il tilt di Facebook, WhatsApp, Instagram

Facebook, WhatsApp, Instagram in down. Quanto è costato concretamente il malfunzionamento delle famose app di comunicazione di Mark Zuckerberg? Le scuse del CEO

Social
Social (foto da Pixabay)

I social network fanno talmente parte del nostro vivere quotidiano che ormai sarebbe quasi impensabile immaginare un mondo senza di essi. Hanno accorciato le distanze, facilitato la comunicazione, velocizzato lo scambio delle informazioni e sono diventati un valido strumento di lavoro.

Ti potrebbe interessare anche >>> Bancomat clonati, a cosa devi prestare attenzione? Non l’avresti mai detto – FOTO

Volendo sorvolare un attimo sul nefasto senso di dipendenza che hanno causato in moltissimi utenti, ci vogliamo soffermare sulla loro definizione principale, ossia sono essenzialmente uno strumento e, come tale, non è la loro esistenza a essere sbagliata, bensì l’uso che se ne fa. Il malfunzionamento di app come Facebook, WhatsApp, Instagram avvenuto ieri, 4 ottobre, dovrebbe farci riflettere non solo sulle implicazioni psicologiche ma anche su quelle economiche derivanti.

Down di Facebook, WhatsApp, Instagram: che danni ha causato?

Instagram
Instagram – Foto da Pixabay

Se pensiamo al lavoro tramite social network probabilmente la prima immagine che affiorerà alla nostra mente è quella degli influencer. Idea giusta ma sensibilmente troppo riduttiva. Dobbiamo allargare la prospettiva anche alle milioni di aziende affiliate a tali nuove prefessioni e a quelle “classiche” che, invece, utilizzano questi strumenti per offrire servizi o promuovere e informare sulle proprie attività. Stiamo parlando di cifre colossali.

Immaginate, dunque, che danno economico possa aver rappresentato il down su internet dei colossi come Facebook, WhatsApp, Instagram avvenuto ieri, 4 ottobre, dalle 17:40 fino a circa l’una di notte (ora italiana). L’inaccessibilità a tali strumenti ha sicuramente inficiato nella vita privata di moltissime persone in tutto il mondo ma il danno economico a livello globale è stato ingente.

Basti pensare alle migliaia d’imprese che raccolgono e consegnano ordini tramite queste applicazioni. Un blocco di 6/7 ore significa gettare alle ortiche un’intera giornata lavorativa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Pochi soldi, troppe spese. Ecco una tecnica per arrivare a fine mese e risparmiare!

La multinazionale Bloomberg, operativa nel settore dei mass media, ha calcolato una perdita della cifra pazzesca di 160 milioni di dollari per ogni ora di interruzione.

Il CEO Mark Zuckerberg si è oggi scusato con queste parole proprio attraverso le pagine dei social network di sua proprietà: “Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger stanno tornando online ora. Scusate per il malfunzionamento di oggi. So quanto vi affidiate ai nostri servizi per rimanere connessi con le persone a cui tenete.”

Ironicamente qualcuno l’ha trovata una buona trovata: “É stato disintossicante”.