Bonus mamma domani: in cosa consiste? Tutti i requisiti per richiederlo

Il Bonus mamma domani è una sovvenzione erogata dall’INPS con lo scopo di offrire un aiuto economico alle famiglie che affrontaranno spese relative alla nascita di un figlio

Bonus mamma domani
Bonus mamma domani – Foto da Pixabay

Se siete in procinto di accogliere nella vostra famiglia un nuovo membro, ci sono ottime notizie per voi ma dovrete affrettarvi. Scadrà infatti il 31 Dicembre 2021 il Bonus Mamma Domani.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Astro, è “nato” il primo robot di Amazon. Il futuro in casa nostra. Quali sono costi e funzionalità

Di cosa si tratta e in cosa consiste? É un aiuto economico che consta nella cifra di 800 euro erogato dall’INPS che spetta, in un’unica soluzione, alle madri che ne abbiano fatto richiesta entro la data sopra indicata.

Bonus Mamma Domani 2021: tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Caf & Patronato Coroglio (@cafepatronato_coroglio)

Il Bonus Mamma domani altro non è che un sostegno alla genitorialità. Può essere richiesto senza limiti di reddito e indipendentemente dall’ISEE da tutte le donne che abbiano compiuto il settimo mese di gravidanza oppure dopo la nascita del figlio ma entro il limite del primo anno d’età.

La richiesta può essere avanzata dalle famiglie anche in caso di adozione o affidamento preadottivo (sia in ambito nazionale che internazionale). La sovvenzione consiste nel valore di 800 euro ma è da considerarsi raddoppiata in caso ci si trovi di fronte a parto gemellare o ad adozione di due bambini (bisognerà fare richieste separate per ciascuno di loro). La somma, quindi, viene corrisposta per ogni nuovo figlio inserito nel nucleo familiare.

Si può aderire al bonus facendo richiesta esclusivamente in modalità telematica all’INPS, compilando un modulo online reperibile sul sito dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, munendosi di PIN, SPID o Carta di identità elettronica.

Tra i documenti da presentare, è neessario possedere un certificato medico sullo stato di gravidanza o esibire le generalità e codice fiscale del bambino in caso di nascita già avvenuta. Anche i cittadini extracomunitari potranno usufruirne ma devono attestare un valido permesso di soggiorno.

Ti potrebbe interessare anche >>> Bancomat clonati, a cosa devi prestare attenzione? Non l’avresti mai detto – FOTO

In caso di adozione o affido, bisognerà presentare le informazioni e i dati presenti nel provvedimento emesso dell’autorità competente.

L’erogazione della sovvenzione avverrà tramite bonifico postale, accredito su conto corrente bancarioo postale, libretto postale o su carta prepagata con IBAN.