Bonus assunzione giovani, come accedere all’esonero e quali sono i requisiti

L’Inps ha reso note le istruzioni che dovranno essere seguite per poter accedere all’agevolazione “Bonus Assunzione giovani”: quali sono i requisiti e come fare richiesta.

Lavoro
(StartupStockPhotos – Pixabay)

Attraverso la Legge di Bilancio 2021 è stata inserita un’agevolazione atta a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di giovani lavoratori. Si tratta del cosiddetto bonus assunzione giovani ed è rivolto a tutti coloro i quali risultino under 36.

Ma di cosa si tratta? Come richiederlo? Per rispondere a queste domande è intervenuta l’INPS.

Bonus assunzione giovani, le linee guida dell’Inps

Euro
(martaposemuckel – Pixabay)

L’Inps ha reso note le linea guida attraverso cui i datori di lavoro potranno accedere alla richiesta dell’esonero contributivo qualora decidessero di assumere giovani under 36. Una misura che eleva dal 50% al 100% lo sgravio dei contributi a carico dell’azienda. Una prima informativa era stata resa nel mese di aprile, quando l’Ente si era espresso per correggere una precedente nota.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Risparmiare mentre stai guidando: non è uno scherzo. I trucchi per l’automobilista intelligente

Nello specifico, il bonus potrà essere utilizzato per le nuove assunzioni a tempo indeterminato nonché per tutti quei casi in cui a quest’ultimo si arrivi a seguito di conversione di un contratto a tempo determinato, effettuati nel biennio 2021/22. Si potrà usufruire solo se soggetti interessati saranno giovani under 36 che al momento di presentazione della domanda, nell’arco della loro vita lavorativa non abbiano mai sottoscritto altro contratto a tempo indeterminato.

Restano esclusi da tale agevolazione i tirocini, i contratti di apprendistato, intermittenti, a chiamata e similari. Questo esonero contributivo avrà la durata di 36 mesi (3 anni) estendibile fino a 48 se il luogo di lavoro si trova in una regione del Sud come Abruzzo, Molise, Campania, Sicilia, Basilicata, Calabria, Sardegna o Puglia. L’importo massimo richiedibile non può superare i 6mila euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus Studenti: i requisiti e le informazioni su quando e come presentare domanda

Ma se questi sono i requisiti del lavoratore, il datore di lavoro non è esente da specifiche prescrizioni. Deve, infatti, essere in regola con il versamento dei contributo, non aver violato norme sul lavoro ed aver tenuto fede ai CCNL ed affini.

Per accedere al bonus, il datore di lavoro dovrà procedere all’inserimento della pratica all’interno del portale Uniemens dell’Inps. A far data da settembre 2021, dovranno essere indicati tutti i lavoratori interessati dal bonus, attraverso la compilazione dei campi “Imponibile” nonchè “Contributo” della sezione “Denuncia Individuale”. Nel campo “Codice Causale” andrà inserito il codice “GI36”, ossia quello che corrisponde all’agevolazione.