Alitalia VS Ita, le proteste dei dipendenti sottopagati: le cifre

Alitalia lascia il posto ad Ita. Numerose le variazioni nel passaggio di testimone, come i salari dei dipendenti. Iniziano già le prime proteste.

Aereo Alitalia Ita prezzi
Aereo Alitalia – Foto da Instagram

15 ottobre 2021. E’ questa la data del volo AZ 1586, l’ultimo volo della compagnia aerea italiana Alitalia che, dopo ben 74 anni di servizio, ha chiuso i battenti lasciando il testimone alla nuova compagnia Ita Airways.

Dopo soli 3 giorni dal termine del servizio della compagnia aerea, i disagi non tardano ad arrivare. Iniziano le proteste dei dipendenti, indignati dell’attuale situazione lavorativa ottenuta con la nuova compagnia aerea.

LEGGI ANCHE -> Colloquio di lavoro: l’elemento che tutti sottovalutano che potrebbe costarvi l’assunzione

Il 24 settembre del 2021 era già avvenuta la prima di una lunga serie di proteste. Centinaia tra assistenti di volo, piloti e comandanti hanno incrociato le braccia per 24 ore come segno di protesta per il passaggio da Alitalia ad Ita Airways.

Il motivo principale della protesta verterebbe sulla questione stipendi che si sarebbero visibilmente ridotti nel passaggio da una compagnia aerea all’altra.

Passaggio da Alitalia ad Ita: il taglio degli stipendi dei dipendenti

Alitalia fa posto alla compagnia Ita
Alitalia fa posto alla compagnia Ita Foto dal web

A percepire il disagio maggiore sono stati gli ex dipendenti Alitalia, ora migrati ad Ita Airways. I salari di centinaia di piloti, assistenti di volo e comandanti sono scesi di molto, arrivando a percepire meno della metà degli stessi colleghi che lavorano per compagnie aeree come Lufthansa ed Air France, percependo anche meno dei dipendenti di compagnie low cost come EasyJet e Ryanair.

Per verificare l’effettiva veridicità del taglio del salario è sufficiente leggere il nuovo “Regolamento aziendale applicabile al personale di Ita Trasporto Aereo”, dove è possibile reperire le nuove retribuzioni di assistenti di volo, comandanti e piloti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Settimana lavorativa di 4 giorni: perchè il successo islandese è la soluzione

Secondo un’attenta analisi del documento sopra citato, i tagli dei salari arriverebbero ad una riduzione media del 50%, una riduzione non da poco per gli ex dipendenti Alitalia che percepivano somme decisamente differenti.

Un comandante Alitalia guadagnava in media 12.534 euro lordi per un totale di 60 ore di volo al mese. Ora in Ita Airlines, lo stesso guadagnerà in media 6.217 euro lordi per la stessa quantità di ore di volo. Per assistenti di volo e piloti lo stipendio arriverebbe a ridursi anche del 55-60%.