Ecco le date per il pagamento di Reddito e Pensione di Cittadinanza

Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza a ottobre i nuovi pagamenti. Ecco le date per ricevere le somme richieste.

Calendario
Calendario (foto da Pixabay)

 

Per Reddito di Cittadinanza di intende una misura politica adottata dallo Stato per contrastare la povertà nel Paese. Dato che creare nuovi posti di lavoro sembrava un’impresa con tempi troppo lunghi si è optato per un versamento alle famiglie aventi un reddito considerato basso. Il Reddito di Cittadinanza, o di base, o minimo universale è un’erogazione monetaria a intervalli di tempo regolari distribuita a tutte le persone dotate di cittadinanza e residenza il cui Isee non supera circa i 6.000 euro.

La Pensione di Cittadinanza, invece, è una misura di contrasto alla povertà delle persone anziane. Viene erogata per quei nuclei famigliari che hanno un reddito basso e che sono composti esclusivamente, salvo poche eccezioni, da persone di almeno 67 anni di età.

La questione resta ai giorni nei quali queste agevolazioni dovrebbero essere versate sui conti di chi ne ha fatto richiesta. Ma per il mese di ottobre sembra si abbiano già delle date certe.

LEGGI ANCHE ->Invalidità Civile, l’Inps avverte: cambiano le regole per l’erogazione

Quando verranno versati il Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza

Sussistenza e reddito
Sussistenza e reddito (foto da Pixabay)

L’INPS ha spiegato che anche nel 2021 le disposizioni di pagamento verranno inviate a Poste Italiane intorno al giorno 27 di ogni mese. Quindi salvo diverse indicazioni il 27 ottobre Poste Italiane riceverà le somme da caricare, nei giorni successivi, sui conti di ogni richiedente.

Infatti ricordiamo che il pagamento del Reddito di Cittadinanza, per motivi tecnici, può avvenire un giorno prima o uno dopo di quello segnalato, oppure può slittare di qualche giorno se il 27 cade vicino a giorni festivi. Diverso sarà per i nuovi beneficiari, infatti per loro sembra che il Reddito di Cittadinanza potrà essere versato a partire dal 18 ottobre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Italia, aumenta il numero dei poveri: i dati del rapporto Caritas

Se non siete tra questi e volete fare domanda per ottenere tali somme di sussistenza ci sono molti modi per farlo. Lo si può fare accedendo alla sezione dedicata sul sito INPS utilizzando il proprio codice di accesso, ma anche sul sito del Ministero del Lavoro. Altra possibilità è quella di recarsi direttamente in alcuni uffici come alle Poste Italiane, solo dopo il 6 di ogni mese, al CAF o al Patronato.