Cosa c’è dietro l’aumento della benzina: da non credere

I prezzi del carburante stanno subendo un aumento vertiginoso. Ma qual è il vero motivo di questa odiosa stangata?

Pompa di benzina
Pompa di benzina – Pixabay

In questo articolo andremo a capire cosa sta succedendo ai prezzi di benzina, diesel e persino metano, il carburante green, che ha visto un raddoppio del prezzo inaccettabile. Secondo alcuni esperti la benzina potrebbe arrivare a costare 4 euro al litro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Casa, spese ed altri rimedi. Quanto costa la gestione del nido d’amore?

Cosa sta succedendo ai prezzi di benzina, diesel e metano?

pompa di benzina
pompa di benzina – Pixabay

Stando all’opinione di una frangia di esperti(un po’ catastrofista, tocca ammetterlo) il costo della benzina potrebbe raggiungere ben 4 euro al litro. Tuttavia, bisogna rassicurare i consumatori. In questo è un’ipotesi remota ma non completamente impossibile.

Vero è che il prezzo del carburante è in costante ascesa. Stando agli ultimi aggiornamenti del ministero dell’Economia e delle Finanze il prezzo medio nazionale per la benzina in modalità self-service va 1,746 euro/litro mentre quello del diesel (sempre con il fai da te) è di 1,610 euro/litro.

Cifre non da poco che hanno fatto sgranare gli occhi ai consumatori che si trovano a dover prendere l’automobile per raggiungere il posto di lavoro o per spostarsi liberamente da un luogo a un altro.

Se l’aumento del carburante rimane costante anche il prezzo dei trasporti pubblici potrebbe risentirne e, di conseguenza, i viaggiatori subirebbero una maggiorazione sul costo del biglietto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Consumatori nel mirino. Cambiano gli acquisti on-line

Ma qual è il motivo di questo incremento insostenibile per le famiglie italiane? Come prima cosa c’è la ripresa della domanda che va di pari passo con la ripresa delle attività produttive.

Un’altra ragione del vertiginoso aumento potrebbe avere a che fare con la Cina. Già, pare che il paese del dragone sia alle prese con una grave crisi energetica. Per questo motivo il Paese ha iniziato a comprare carbone, metano e petrolio “costi quel che costi” alimentando l’ascesa sui mercati internazionali.

Tuttavia, al momento i consumatori possono tirare un sospiro di sollievo. Il prezzo della benzina è aumentato, è vero, ma in questo momento è pressoché impossibile che arrivi a 4 euro al litro.