Mutuo: come ottenerlo senza busta paga

Ottenere un mutuo non è mai un’impresa semplice, soprattutto se si lavora in autonomia e senza busta paga. Ecco allora come poterlo richiedere.

casa
Casa – Pixabay

Arriva per tutti il momento della vita in cui si decide, per un motivo o per l’altro, di comprare una casa.

Per farlo, solitamente è necessario stipulare un mutuo, ma richiederlo non è un’operazione facile per tutti.

La richiesta del mutuo, infatti, non viene concessa a tutti poiché spesso dipende dalle garanzie che offre il proprio contratto di lavoro.
La situazione poi si complica ancora di più se non si è dipendenti ma si ha una propria azienda o si è lavoratori autonomi.

LEGGI ANCHE -> Luce e gas: servizio nazionale o mercato libero. Quale scegliere?

Il fatto stesso di non avere un entrata fissa costante, ma di avere entrate molto variabili di mese in mese, offre poca sicurezza all’ente competente del rilascio del mutuo, a causa delle poche garanzie derivanti dallo stipendio non sempre garantito.

Mutuo senza busta paga: come richiederlo e a chi rivolgersi

Comprare casa
Comprare casa – Foto dal web

Avere una partita IVA non sempre è sinonimo di stabilità, anzi, se per la propria carriera questo può voler dire un essersi realizzati, quando si tratta di ottenere un affitto o richiedere un mutuo la situazione si ribalta.

Le banche, infatti, tendono a rilasciare con molta difficoltà dei mutui a dei detentori di partita IVA, proprio a causa dell’insicurezza dettata dallo stipendio variabile.

Tuttavia, non è impossibile. Infatti, le banche sono tenute a rilasciare mutui anche a chi lavora in autonomia, seppur i processi di rilascio si allunghino di molto.

Se si dispone di una partita IVA, quindi, è possibile richiedere il mutuo presso una banca di preferenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Vuoi comprare una casa? I consigli indispensabili per trovare quella giusta

Sarà poi la banca a dover verificare tutti i parametri di fattibilità per poter concedere il mutuo al richiedente. Tra questi parametri i più importanti sono l’eventuale presenza di pendenze e la dichiarazione dei redditi, che dovrà rispettare i parametri minimi per poter coprire i costi del mutuo.

Necessario, poi, certificare la propria posizione lavorativa con le inerenti iscrizioni all’albo di appartenenza o la propria visura camerale.