Bonus Facciate: come ottenerlo e cosa cambia nel 2022

Il Bonus Facciate sembrerebbe andare verso una chiusura definitiva. Cosa cambia allora nel 2022? Ecco come ottenere delle scontistiche per effettuare i lavori di ristrutturazione delle facciate.

Superbonus 110 la decisione del Governo
Bonus facciate 2022 – Foto dal web

Il Bonus Facciate, anche conosciuto come Bonus Facciate 90%, è una agevolazione fiscale studiata per i proprietari di immobili, di modo che possano usufruirne per poter ristrutturare le pareti esterne del perimetro del proprio immobile. E’ necessario che le pareti dell’immobile in questione siano visibili dalla strada su cui si affaccia l’immobile.

Lo sconto verrebbe accreditato sotto forma di detrazione IRPEF, con uno sgravo del 90% per i lavori inerenti al restauro delle facciate dell’immobile, esclusi i lavori per migliorare l’efficacia dell’involucro.

LEGGI ANCHE -> Bonus caldaia: come funziona e chi può averne diritto. Tutte le informazioni

Per poter usufruire dello sconto non ci sono grossi vincoli. Lo sconto non prevede una soglia massima, ma l’unica condizione essenziale è che l’immobile sia già esistente.

Tuttavia questa agevolazione va verso una mancata proroga. L’agevolazione, infatti, scadrà al termine di quest’anno. Entro il 31 dicembre 2021 i lavori di ristrutturazione delle facciate dovranno essere terminati, così da poter usufruire a pieno dell’agevolazione.

Come fare allora se i lavori non sono terminati entro questo data? Cosa cambierà dal 2022?

Bonus Facciate: cosa cambia nel 2022

palazzo
Facciata di un palazzo – Pixabay

Allo scadere dell’anno 2021 non sarà più possibile sfruttare il lo sconto al 90%.

Ma come fare per poter proseguire i lavori iniziati se non si dispone di una somma di denaro ingente con la quale poter continuare?

Fortunatamente una soluzione esiste.

Innanzitutto, per usufruire ancora del Bonus Facciate 90% basterebbe completare i pagamenti entro il 31 dicembre 2022. In questo modo, anche se i lavori dovessero continuare nel 2022, si potrebbe comunque usufruire della detrazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Bonus Terme 2021: come chiederlo e tutte le novità

Una soluzione, poi, sarebbe quella di sfruttare il Bonus Ristrutturazione che consente di sfruttare una detrazione del 50% su una spesa del valore massimo di 96.000 euro. Tuttavia, ad oggi questo bonus ha una scadenza fissata al 31 dicembre 2021, e non è ancora certa una proroga.

Un’alternativa è sfruttare il Bonus Casa che garantisce uno sconto del 36% su una spesa massima del valore di 48.000 euro.

Si potrebbe poi pensare di sfruttare il Superbonus 110%, uno sconto utilizzabile anche per effettuare il cappotto termico del proprio immobile. Il Superbonus 110% è stato prorogato fino al 2024.