Salutate il biglietto del treno, il progresso è la carta di credito. Scelta giusta? Scopriamolo

Per salire su un treno non servirà più il biglietto ma la carta di credito, in molti lo chiamano progresso, ma sarà proprio così?

Treno
Treno – Foto da Pixabay

Il progresso è anche regresso? In molti se lo sono chiesti negli anni ed in molti se lo chiedono tutt’ora. E’ di oggi la notizia che sta facendo discutere non poche persone sulla possibilità di abolire i biglietti del treno in favore della carta di credito.

POTREBBE INETERESSARTI ANCHE —> INPS, bonus studi offre ben diecimila euro: come fare per ottenerlo

Se per alcuni l’idea è futuristica per altri è solo un altro inconveniente per milioni di persone. Non è detto che tutti abbiano una carta di credito e non è detto che ragazzini ed anziani siano in grado di adeguarsi ad un meccanismo che potrebbe sembrare complicato, ma che forse non lo è. Ad ogni modo vediamo di cosa si tratta.

Tap&Go, la nuova frontiera del Consorzio Unico Campania

TAV
TAV (treno ad alta velocità) – Instagram

Sostituire il biglietto del treno con la carta di credito è un’idea prototipo lanciata dal Consorzio Unico Campania, non è escluso che se dovesse essere valida ed efficace si possa replicare in altre parti d’Italia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> I segreti per vendere casa e invogliare gli acquirenti

Con Tap&Go basterà appoggiare la carta di credito sul tornello e passare tranquillamente per accedere al treno. Questa iniziativa vuole rendere Napoli una Città più europea per il trasporto ferroviario. Il progetto è in collaborazione con Mastercard, il biglietto virtuale verrà acquistato direttamente dall’azienda di pagamento.

Stiamo parlando di una sperimentazione che al momento interessa la linea 1 e 2 della Metropolitana, la Circumvesuviana e le funicolari. Nel prossimo anno e mezzo il servizio dovrebbe essere esteso anche ai bus della linea EAV.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio, la villa dove abitavano insieme. Una reggia – FOTO

Il progetto è decisamente ambizioso, è sicuramente un passo avanti che la Città di Napoli è pronta a fare, qualcuno è molto scettico però sul servizio in quanto non è detto che tutti i consumatori (specie ragazzini ed anziani) riescano ad adeguarsi alle nuove disposizioni, almeno non nell’immediato.