Cedolare secca, come e quando pagare il secondo acconto

Il 30 novembre scadrà la rata d’acconto per la cedolare secca: come fare per pagarla. Alcune utili informazioni.

Casa
(Photo Mix – Pixabay)

Alla fine del mese di novembre, scadrà il termine per versare il secondo acconto della cedolare secca. Quest’ultima è un regime fiscale a mezzo del quale, coloro i quali posseggono degli immobili in affitto possono usufruire di un sistema di tassazione sul reddito derivante dalla locazione ad un’aliquota fissa che può essere del 21% o del 10%.

Quanto al suo versamento, le modalità sarebbero le stesse con cui i contribuenti corrispondono l’IRPEF. Tuttavia da quest’anno a cambiare sarebbero state le regole per il pagamento dell’acconto.

Cedolare secca, come pagare il secondo acconto in scadenza il 30 novembre 2021

Agenzia delle Entrate
(fusolino – Adobe Stock)

Di norma, riporta Money.it, il pagamento degli acconti non avviene nel primo anno in cui si usufruisce dell’opzione per la cedolare secca. Una questione logica, in quanto non vi sarebbe una base imponibile di riferimento il quale si fonda appunto sull’imposta sostitutiva di spettanza da doversi per il periodo precedente e quindi impossibile sarebbe fare il calcolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pace contributiva: come richiedere 5 anni di riscatto in più all’INPS

Ciò premesso, passando all’atto pratico, se la cedolare secca supera i 51,65 euro l’acconto potrà essere versato secondo diverse modalità. In una sola volta, entro il 30 novembre, se l’importo non supera i 257,52 euro. Due rate, invece, se questo limite viene superato: il 40% entro il 30 giugno, mentre il 60% entro il 30 novembre.

I valori percentuali di quanto dovuto a titolo d’acconto per la cedolare secca variano in base al regime fiscale del contribuente che ne usufruisce. Si pensi ai regimi forfettari, a coloro i quali aderiscono a vantaggi per imprenditoria giovanile. In tutti questi casi, riportano i colleghi della redazione di Money.it, le rate saranno entrambe del 50%. Il saldo andrà versato entro il 30 giugno, oppure il 31 luglio, ma con una mora dello 0,40%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dicembre 2021, quando ritirare pensioni e tredicesime: il calendario

Per effettuare il versamento bisognerà utilizzare un modulo F24 utilizzando degli specifici codici che riportiamo di seguito:

1840 Acconto prima rata;

1841 Acconto seconda rata o qualora si versi in un’unica volta;

1842 Saldo.