Siamo tutti spiati dagli apparecchi tecnologici, queste le verità sconcertanti

Siamo noi a usare la tecnologia oppure è la tecnologia a usare noi? Alcuni studi dimostrano come apparecchi che si hanno in casa potrebbero spiarci.

Uso di apparecchi tecnologici in casa
Uso di apparecchi tecnologici in casa (Foto da Pixabay)

Anche se si vuole far finta di niente preferendo di dimenticare certi aspetti legati alla tecnologia per continuarla ad usarla non significa che questi aspetti non esistano. Al contrario, più si ignorano e si accettano a scatola chiusa e più questi aumentano.

Stiamo parlando del fatto che gli strumenti tecnologici cha abbiamo in casa sono sempre più sofisticati tanto da arrivare al punto che non siamo più solo noi a usare loro ma sono anche loro a usare noi. Alcuni studi hanno dimostrato come alcuni apparecchi inviano informazioni a nostra insaputa.

La domanda è: cosa fareste se aveste le prove che un vostro apparecchio tecnologico invia dati a terzi? La risposta è che probabilmente nessuno farebbe niente, ma iniziereste a guardare il vostro telefono, il vostro computer o il vostro tostapane in maniera diversa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Bello il Natale ma la vera speranza viene dopo Capodanno

La tecnologia in casa che invia dati a terzi

Utilizzo delle Smart Tv
Utilizzo delle Smart Tv (Foto da Pixabay)

Secondo alcuni studi condotti su apparecchi come le Smart Tv hanno dimostrato che in tutto il traffico internet svolto da tali apparecchi solo una certa parte serve a fornire il servizio. Tutto il resto sono dati e informazioni criptate inviate ad altri server.

Questo è stato facilmente dimostrabile bloccando tutti questi processi in uscita e osservando che il servizio della televisione veniva svolto comunque in modo corretto. Quindi il traffico superfluo di informazioni non è qualcosa che serve a chi usufruisce del servizio ma a chi lo fornisce.

LEGGI ANCHE ->Viaggio in Italia, Trieste è una delle città più belle. Cosa puoi visitare?

Quando si accettano tutte le clausole di servizio probabilmente si accetta anche questo traffico di informazioni. Ma c’è un modo per tutelarsi ed è quello di gestire l’id pubblicitario univoco. Ma per maggiori accertamenti è possibile anche fare una richiesta di accesso ai dati per valutare di persona quali informazioni partono dal vostro apparecchio tecnologico.