Solo 30anni e guadagna milioni facendo shopping: scopri come fa

Lui ha solamente 30anni, è giovanissimo, ha fondato una società e guadagna milioni in modo molto semplice: fa shopping! Capiamo meglio come fa ad avere questo fatturato acquistando e vendendo prodotti.

imprenditore 30anni guadagna facendo shopping
(Pixabay)

Nessuno regala mai niente ed emergere online tra i tantissimi imprenditori esistenti non è per niente facile. Eppure accade, ed un giovanissimo imprenditore di 30anni è riuscito a stravolgere la sua vita iniziando a guadagnare milioni.

Si chiama Ryan Grant, è statunitense e sta semplicemente facendo shopping.
Fino a sei anni fa lavorava come contabile. Era un lavoro che gli stava stretto ed ha deciso di mollare tutto per fondare la sua propria azienda. Oggi conta 10 collaboratori e vanta un fatturato annuo che raggiunge i 6 milioni di dollari.

Ma entriamo più nel dettaglio e capiamo cosa fa esattamente Ryan.
Il giovane imprenditore ammette di acquistare di tutto, dai giocattoli agli elettrodomestici, tramite grandi piattaforme dello shopping come Walmart e Target e rivende online, principalmente su Amazon ed Ebay.
Grant afferma che il lavoro che svolgeva prima gli ha insegnato quel che davvero non vuole fare nella vita. Non gli permetteva di esprimere sé stesso e questo lo ha spinto a cercare un’alternativa. Ha esplorato diverse opzioni per poi scegliere di rendersi autonomo ed autogestire il proprio tempo.

L’idea di rivendere prodotti online viene, in realtà, dai tempi del college: quando era studente alla Winoa State University, dove si è laureato nel 2011, organizzava grandi vendite di libri usati all’interno del campus. Poi inseriva i libri su Amazon e li spediva in tutto il Paese, generando un profitto di anche 10.000 dollari l’anno.
Utilizzando l’app Amazon Seller poteva fare una stima in fatto di soldi e tempistiche. Poi, il tempo che trascorreva ad elaborare e confezionare lo ha spinto ad affidarsi alla Logistica di Amazon, per rendersi più indipendente possibile. Più concretamente, Grand affitta uno spazio nel magazzino Amazon e lascia che i dipendenti del colossale e-commerce pensino ad organizzare le spedizioni dei singoli ordini, rendendo al ragazzo tutto più semplice da gestire.

Come funziona nel dettaglio il metodo Grant e perché possiamo farlo tutti

30 anni guadagna milioni facendo shopping
(Pixabay)

Nel tempo libero, Grant “studiava” i punti vendita Walmart e acquistava giocattoli, videogiochi, articoli per la casa. Iniziava a chiedersi cosa poteva acquistare da rivendere per ottenere un profitto.

Inizialmente, dedicava a costruire questo extra circa 10 ore la settimana per guadagnare 1000 dollari al mese. Poi, nel 2013, ha potuto lasciare il suo lavoro da dipendente e dedicarsi esclusivamente alla sua azienda.
Esattamente tre mesi dopo l’avvio di tutto, dedicando la completa attenzione alla sua attività, ha registrato 9000 dollari di profitto, generati dalla vendita di 25mila dollari.

Leggi anche -> Super busta paga, aumenti grazie all’Irpef e un mese più ricco del solito: tutte le info

Un anno dopo, ha affittato il magazzino Amazon, rendendosi conto che scatole e scatole di pacchi da spedire stavano accumulandosi nel suo appartamento.

Infine, quando ha visto che spendeva 30 ore per fare shopping e 15 per preparare le spedizioni, ha capito che era impossibile continuare a gestire da solo il lavoro. Ha assunto il suo primo dipendente, un amico, che lo aiutava a scegliere la merce da acquistare e spedire.

Leggi anche -> La truffa della “banconota smarrita”. Fatevi furbi e non ci cascate

30 anni guadagna milioni facendo shopping
(Pixabay)

Un consiglio che Grant da a chiunque abbia voglia di intraprendere lo stesso percorso, è quello di tenere d’occhio la stagionalità: acquistare scontato fuori stagione e vendere quando è il momento di cavalcare l’onda del trend è decisamente vantaggioso.

Altre parole che Ryan spende generosamente per noi dicono questo: “iniziate il prima possibile. Molti rimandano per molto tempo, dicono di voler avviare un’attività ma oggi non è mai il giorno giusto per farlo. Anche solo compiere il primo passo e vendere online qualcosa che non si utilizza più in casa aumenta le probabilità che si possa avere lo slancio giusto e costruire cose molto positive“.