S.O.S. monete false. E’ molto facile essere truffati, brutta storia per una pizzeria

Brutta storia per una pizzeria nel coneglianese, il titolare di una pizzeria è stato truffato con quelle monetine.

valore moneta 20 lire
(Pixabay)

La vicenda che vi raccontiamo oggi ha dell’incredibile, il gestore di una pizzeria è stato vittima di una truffa, questa volta ad essere falsate non sono state le banconote ma le monetine.

Per evitare che situazioni simili possano verificarsi in modo esponenziale, la BCE ha disposto, entro il 2024, la fuori produzione di alcune banconote come le 500 euro, ma a questo punto, è evidente che bisogna focalizzare l’attenzione anche su alcune monete che sono facilmente clonabili. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Lasciare soldi sul conto corrente: quanto costa davvero e quali sono i rischi

Pagano con 5 monetine false da 2 euro

Monete rare le più ambite
Monete rare le più ambite Foto dal web

Monete false da 2 euro, nelle ultime ore stanno girando in tutta la zona di Conegliano (Treviso) e scoppia il caso truffa. Qualche giorno fa è rimasta vittima del raggiro una pizzeria in zona Vazzola, il titolare è stato truffato con 5 monetine dal valore di 2 euro e con una banconota da 10 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Spesa intelligente e lotta all’inflazione. Consigli pratici per vivere meglio

A dare l’allarme sui social è stato il titolare della pizzeria “Buonasera ragazzi sono il titolare di una pizzeria di Vazzola volevo avvisarvi che ci sono dei ragazzi in giro che fregano le persone con soldi falsi state attenti”, scrive l’uomo dove aver ritrovato le monetine false.

Al momento non è dato sapere se le monetine false siano solo 5 o se ce ne siano tante altre sul territorio. La situazione è monitorata dagli inquirenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Problemi conto corrente cointestato: conosci le differenze tra firma congiunta e firma disgiunta?

I ragazzi hanno colpito con una banalissima scusa, farsi cambiare i soldi per fare rifornimento. Quando il proprietario della pizzeria ha notato che qualcosa non andava, il malvivente era già andato via.

Essendo pezzi di valore modesto, il titolare della pizzeria non ha controllato l’effettiva autenticità. Al momento sul territorio è stato lanciato l’allarme e chiunque sia cascato nel raggiro deve sporgere denuncia ai carabinieri.