Saldo e giacenza media, quali sono i valori migliori e quelli da evitare

Giacenza media e saldo del conto corrente sono due voci distinte: quali sono i valori migliori da possedere? Ed in base a cosa.

Soldi
(Alexas_Fotos – Pixabay)

Il caro mattone è ormai acqua passata. Gli italiani con il passare del tempo, hanno iniziato ad abbandonare quel retaggio per cui i risparmi andavano “conservati in casa”, aprendosi ad investimenti e soprattutto ai versamenti sui conti correnti. I fondi sono, dunque, aumentati e con essi le giacenze medie. Ma esistono dei valori “giusti” o “sbagliati”? C’è una soglia che non andrebbe sforata o sotto cui andare? E soprattutto, se sì perché?

Giacenza media e saldo, i valori migliori da mantenere

Euro
(moerschy – Pixabay)

Aprire un conto corrente di certo semplifica la vita di chi decide di farlo. Pagamenti con carta di credito, assegni, addebiti contribuiscono ad agevolare innumerevoli attività quotidiane. Quando le somme presenti iniziano a diventare importanti, però, è necessario fare delle valutazioni. Ciò in quanto, un conto corrente ha un costo ben preciso che varia in base al portafoglio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Donne e lavoro, dati preoccupanti: tasso di inattività altissimo

Bisognerà, quindi, effettuare delle giuste considerazioni. Ma al di là del discorso convenientistico, per tornare al nocciolo della questione, esiste una cifra sotto la quale non dovrebbe mai andarsi? La risposta è si. Mai andare sotto zero per due ordini di ragioni. Il primo, riporta Proiezioni di Borsa, è che si dovranno corrispondere esose commissioni. Il secondo è che potrebbe rischiarsi una segnalazione alla Centrale dei Rischi (CRIF).

Altro discorso bisogna approntare per quanto riguarda la giacenza media. Per gli esperti del gestore, il valore migliore sarebbe quello che si aggira intorno ai 4/5mila euro. Ma ovviamente è una cifra che inevitabilmente varia in base ad esigenze e stile di vita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Soldi sul conto corrente a rischio, cosa bisogna fare e sapere

Chi possiede poche uscite e percepisce uno stipendio medio, dovrebbe ritrovarsi in questa proiezione. Chi, invece, svolge attività di impresa molto remunerative potrebbe aver difficoltà a rientrare in questo range. Per questi ultimi, il consiglio, è quello di votarsi a prodotti come buoni o conti di deposito. Eviterebbero di far lievitare la giacenza media e ridurrebbero i costi di gestione di un conto corrente.