Bonus casalinghi: come richiedere l’assegno destinato a chi svolge attività domestica

Ci sono delle agevolazioni destinate a chi svolge attività domestica: si tratta del Bonus casalinghe e casalinghi e queste sono le modalità per richiederlo.

bonus casalinghi come richiederlo
(Pixabay)

L’INPS sta mettendo a disposizione delle agevolazioni economiche dedicate alle persone che si occupano della cura della casa e dei familiari: si tratta del Bonus casalinghe e casalinghi.

Nel caso in cui questa categoria di persone si trovasse in difficoltà economiche, può avanzare richiesta per ricevere tanto il sussidio dell’INPS quanto quello del ministero delle Pari opportunità.

Quest’ultimo fa riferimento ad un aiuto economico che serve ad incentivare la formazione, il reintegro nel mondo del lavoro e l’inclusione sociale di donne e uomini che dedicano alla casa la propria attenzione. Tramite questa opportunità, è possibile iscriversi a corsi di formazione gratuita da seguire in maniera telematica.
Il 31 marzo sono scaduti i tempi per enti pubblici, privati ed associazioni che lavorano nell’ambito della formazione per presentare i propri progetti. Questo implica che nei prossimi giorni verrà reso disponibile l’elenco ufficiale degli enti formativi che prenderanno parte all’iniziativa e si inizierà a raccogliere le richieste.

L’aiuto offerto dall’INPS invece consiste in un assegno riservato a donne e uomini over 67 che hanno dedicato la propria vita ai lavori domestici, non versando nulla nelle casse previdenziali e restando sprovvisti di pensione minima.
Capiamo maggiori dettagli riguardo questo sussidio.

Bonus casalinghe e casalinghi: le informazioni che devi sapere prima di richiederlo

bonus casalinghi come richiederlo
(Pixabay)

A seconda del reddito che si possiede e del proprio stato civile, l’importo della misura assistenziale può variare, fino ad un massimo di 468,10 euro.
Esistono dei requisiti indispensabili affinché venga approvata la richiesta del Bonus casalinghi: il reddito annuo non deve superare i 6.085,30 euro se si vive da soli e non oltre i 12.170,60 euro se si è sposati.

L’intera somma del Bonus è riservata a chi non è coniugato né possiede un reddito. Questo vale anche se si appartiene ad una famiglia con un’entrata annua più bassa di 6.085,30 euro.
In tutti gli altri casi, il Bonus a cui si ha diritto sarà ridotto.

Leggi anche -> L’assegno sociale arriva anche per le casalinghe, 500 euro per tutti

Per procedere con la richiesta del sussidio, si può andare sul sito ufficiale dell’INPS, si può telefonare il contact center o recarsi al patronato o un intermediario di riferimento.
Se vengono rispettati i requisiti e si risulta idonei a percepire il Bonus casalinghi, il pagamento avviene a partire dal mese successivo a quello dell’accettazione della domanda.

Leggi anche -> Bonus e assegno casalinghe 2022, quali soni i requisiti: tutto quello che c’è da sapere

L’aiuto dell’INPS non finisce qui: ha reso disponibile anche un Fondo pensione casalinghe e casalinghi, dedicato a chi svolge lavori di cura nei confronti di propri familiari, quindi lavori non retribuiti. Quest’agevolazione è destinata a chi rientra in una fascia d’età tra i 16 e i 65 anni: possono essere versati qui i contributi per la pensione.