Bonus elettrico con la 104: con un documento ancora più sconti

Bonus elettrico con la 104, qual è la differenza con l’agevolazione per le famiglie in disagio. Chi può averlo e in quali condizioni

Bonus Elettrico
AnsaFoto

Negli ultimi anni si può dire che è stato creato un bonus per ogni settore. La causa è la pandemia che ha messo in ginocchio interi comparti economici. Gli effetti in alcuni casi durano ancora oggi, aggravanti anche dalla guerra che ha provocato una grande inflazione.

Milioni di famiglie presentano l’Isee, l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, proprio per avere le agevolazioni che la legge prevede e ciò succede da anni. Non è certo quindi una novità ma la pandemia ha allargato molto la platea dei beneficiari.

Forse fino a circa 10 anni fa non avremmo pensato che i sarebbero stati aiuti anche per chi guadagna 35mila euro e invece il Bonus 200 euro, che sarà erogato nei prossimi mesi, è rivolto proprio a dipendenti e pensionati che non superano questa soglia reddituale, una tantum per fronteggiare l’inflazione degli ultimi mesi.

Nel cosiddetto Bonus sociale, ossia quello di gas e luce, rientra il Bonus elettrico destinato alle famiglie che hanno un membro con un grave disagio fisico. Una situazione così particolare che è indispensabile per la sopravvivenza l’utilizzo di apparecchiature elettriche che causano una grande consumo.

Bonus elettrico con la 104, cosa prevede la legge: in quali casi si applica

Nel decreto del ministero della Salute del 13 gennaio 2011 c’è l’elenco degli apparecchi considerati salvavita. Sono i materassi antidecubito, le carrozzine elettriche e tutte le apparecchiature che servono per l’limentazione in caso di gravi patologie.

C’è però una differenza con il Bonus di gas e luce per chi vive in difficili situazioni economiche. In questo caso non c’è bisogno di fare alcuna domanda perché lo sconto viene riconosciuto direttamente in bolletta. Per chi ha ha invece un disagio fisico, bisogna presentare istanza al Comune di residenza.

Il certificato Asl che attesta qual è la condizione del soggetto è il documento che bisogna presentare in allegato alla domanda. In caso di esito positivo – ossia che la domanda venisse accettata – il bonus sarà applicato direttamente in bolleta con un sconto in base al consumo annuo di energia elettrica.