Legge 104: il congedo è possibile praticamente sempre, quello che non tutti sanno sull’invalidità

Chi ha una percentuale d’invalidità pari o superiore al 50% ha diritto a molte agevolazioni (Legge 104). Tra tutte i permessi di congedo che possono essere richiesti senza fare cumulo con il periodo di comporto. Ma andiamo a scoprire nel dettaglio quali condizioni ci devono essere per usufruire di questi permessi.

legge 104
(Pixabay)

Quando si ha un’invalidità civile superiore al 50% si ha diritto a ben 30 giorni di permesso per cure legate alla propria malattia. Come si legge nell’articolo 38 della Costituzione, le persone con invalidità vanno tutelate. Ma andiamo a scoprire più nel dettaglio i diritti di chi ha invalidità.

Legge 104: quali sono le condizioni per usufruire dei permessi

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

legge 104
(Pixabay)

Tutti coloro che sono inabili al lavoro hanno diritto al mantenimento e all’assistenza. Se, poi, l’invalidità raggiunge il 50% si può avere il congedo dal lavoro per fare le cure necessarie.

Anche per gli invalidi, però, ci sono delle condizioni da rispettare. Innanzitutto, per usufruire del congedo, si deve avere una riduzione della capacità lavorativa minima del 50%.

Nel caso dei malati di tumore, possono richiedere il congedo per sottoporsi alle cure necessarie. Stesso discorso vale per gli over 65 anni che non sono in grado di svolgere alcune funzioni. Questa agevolazione non è prevista per invalidi di guerra, sordomuti, ciechi, ecc.

Per richiedere il congedo, bisogna fare domanda. Una volta compilata la richiesta, si dovrà allegare anche il documento che certifica la necessità di cure per la patologia (il certificato deve essere rilasciato da un medico in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale oppure appartenente ad una struttura sanitaria pubblica.

Il lavoratore, per assentarsi, dovrà attendere che il permesso venga accettato. Così facendo, potrà ricevere la retribuzione in base al calcolo fatto con regime economico delle assenze per malattia.
L’erogazione dell’indennità sarà un impegno che spetterà al datore di lavoro.

C’è da precisare, inoltre, che i congedi richiesti per l’invalidità civile non vanno a sommarsi al periodo di comporto. Per essere più chiari, nel conteggio dei giorni malattia non vanno inclusi anche i giorni usati per fare cure mediche.

Spiegati tutti i requisiti per usufruire della legge 104, non vi resta che verificare se voi li soddisfate tutti.