Risparmio sulle bollette: come scegliere l’elettrodomestico giusto

Risparmio sulle bollette: comprare quello giusto e usarlo in modo corretto possono farci alleggerire l’importo della fattura

risparmio bollette
Pixabay

Ormai la parola d’ordine è risparmiare su tutto. L’inflazione non ci lascia in pace, gli stipendi non crescono e anche quando lo Stato ci tende la mano, come con la tantum di 200 euro, sembra che non i soldi non bastino mai.

Se il problema dei rincari del gas è momentaneamente accantonato perché la stagione fredda è lontana e riscaldarci ora non ci pensiamo proprio, dall’altra parte è il costo della bolletta elettrica che ci preoccupa.

Con più ore di luce, ciò che in casa consmiamo di più è l’energia per il condizionatore d’aria, per chi ce l’ha. Infatti non tutti possono mermetterselo e deve adottare altri modi per rinfrescare casa.

Di più o di meno rispetto alla stagione fredda, gli elettrodomestici li usiamo comunque. Preferiamo un pasto fresco per non accendere il forno, per fare la doccia abbiamo bisogno di meno acqua calda, ma in casa continuamo a non poter fare a meno degli elettrodomestici.

Risparmio sulle bollette: come fare

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Possiamo fare delle scelte attente per risparmiare. Innazitutto comprare un elettrodomestico di ultima generazione, di classe energetica A+++. È vero che pagheremo di più (e quindi andremo contro la regola del risparmio), ma i benefici ci saranno nel tempo perché la bolletta elettrica sarà più leggera.

Altre attenzioni che possiamo avere e nel modo di usare gli strumenti. Lavatrice e lavastoviglie, ad esempio, dobbiamo accenderle a pieno carico altrimenti è solo uno spreco di corrente e acqua. Se poi possiamo accenderle in orario serale, meglio ancora.

Così come non bisogna esagerare con la temperatura del climatizzatore (con il caldo o il freddo, la differenza deve essere di massimo 4-5 grandi in più o in meno rispetto alla temperatura esterna), anche con la lavatrice dobbiamo tenere d’occhio la temperatura. Siamo abituati ad alzarla per i capi chiari e intimi: tenerla a massimo 50 gradi aiuta a consumare di meno.

Un altro modo per risparmiare è non lasciare gli elettrodomestici in stand-by. Quando non guardiamo il televisore ma resta quella lucina accesa, in quel momento sta consumando, anche se pochissimo. Ciò vale per tutti gli elettrodomestici che hanno un led. Significa quindi che bisogna staccare la spina.