Assegno unico figli 2022 : pochi giorni per gli arretrati, ma quali sono i requisiti

Assegno unico, manca poco e poi scade il termine che consente di ottenere anche i soldi dei mesi passati: cosa bisogna fare

Assegno Unico
Pixabay

 

L’assegno unico per chi ha figli a carico dal settimo mese di gravidanza ai 21 anni è la misura che coinvolge milioni di italiali. La sua caratteristica non è solo quella di essere “unica” perchè ha al suo interno quasi tutte le precedenti misure previste per la famgilia, ma è anche universale. Infatti hanno diritto (anche se solo a 50 euro al mese) anche chi ha redditi altissimi e presenta un Isee con oltre 40mila euro.

Chi ha fatto domanda tra il 1 gennaio 2022 e il 28 febbraio, ha cominciato a ricevere l’assegno da marzo. Almeno così è stato per molti perché in effetti non sono mancati i ritardi. Ci sono state denunce sul social di chi ha fatto domanda a gennaio e ancora non ha percepito un euro. Qualcuno ha risposto al post commentando che quando ha presentato istanza al Caf il 6 giugno, hanno risposto che forse i primi soldi arriveranno ad agosto.

Assegno unico, come avere i soldi degli ultimi 4 mesi

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Al di là dei grandi ritardi, la legge stabilisce che chi fa domanda entro il prossimo 30 giugno, avrà diritto ad avere anche gli arretrati da marzo. Un’occasione che non bisogna farsi sfuggire. Pur se i soldi arriveranno dopo molto tempo, l’importante è ottenere il diritto.

Chi invece farà domanda dal 1 luglio, riceverà gli assegni a partire da quel mese. Ma quali sono i requisti? A quanto ammonta l’assegno? Come detto, bisogna avere figli a carico dal 7 mese di gravidanza. Dai 18 ai 21 anni, anche se lavorano, si può accedere al beneficio in alcuni casi.

Per chi ha Isee non oltre i 15mila euro, potrà ricevere l’assegno nella sua misura massima di 175 euro a figlio. Più alto è l’Indicatore, più basso sarò l’importo fino a 50 euro, erogato per chi ha Isee oltre i 40mila e chi non allega l’Indicatore alla domanda. Ricordiamo che ci sono anche delle maggiorazioni quando i nuclei familiari sono numerosi o, ad esempio, quando la madre ha meno di 21 anni.