Bonus sociale, diritto allo sconto non applicato: cosa fare?

Bonus sociale, come bisogna muoversi se si nota che la fattura della bolletta è a tariffa piena: i consigli dell’Arera

Bonus sociale
Pixabay

Dal 1 gennaio 2022 la plaea dei beneficiari del bonus sociale in bolletta, ossia lo sconto automatico, è stata allargata. Prima il diritto era per chi aveva un Isee poco superiore agli 8mila, ora anche per chi arriva a 12mila.

Ma nel caso in cui non venisse applicato, cosa fare? Prima di contattare eventualmente il proprio gestore di luce e gas, vediamo quali sono tempi e le condizioni per ottenerlo.

L’automatismo è subordinato ad una serie di passaggi, ovviamente è fondamentale la presentazione del modello Isee che a sua volta viene rilasciato dopo la presentazione della DSU. Ricordiamo che la suddetta soglia dei 12mila, sale a 20mila per le famiglie numerose, più di tre figli a carico.

Come prevede il Decreto Aiuti n. 50/2022 l’agevolazione viene riconosciuta in ogni caso retroattivamente a decorrere dall’inizio dell’anno se l’Isee dovesse essere presentato con ritardo. L’Arera (autorità di regolazione per energia reti e ambiente) ha dato indicazioni se sulla bolletta si nota che non è stato applicato lo sconto.

Il limite massimo fissato di base a 8.265 euro è stato incrementato ulteriormente incrementeto dal decreto Energia n. 21 del 21 marzo 2022. L’Arera ha ricordato che la valutazione delle condizioni d’accesso sono il primo passaggio che condiziona i tempi del bonus bollette.

Bonus sociale, i motivi dell’eventuale ritardo

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Dopo la presentazione della DSU il sistema predisposto impiega circa un mese per individuare la fornitura diretta intestata ad uno dei componenti del nucleo familiare Isee ed
effettuare le verifiche di ammissibilità sulla fornitura.

A questo punto avviene la trasmissione agli operatori competenti i dati necessari che applicare direttamente il bonus.

Per fare un esempio, la DSU viene presentata nei primi di giugno. A luglio l’Inps trasmette le informazioni utili all’individuazione del nucleo familiare beneficiario del bonus e a sua volta invia i dati agli operatori. Nel frattempo è passato più di un mese dalls DSU.

Se la fattura viene emessa ogni mese il bonus sarà riconosciuto in bolletta a settembre. In caso di fatture bimestrali o trimestrali ovviamente sarà applicato in autunno. Per questo motivo chi ha presentato l’Isee negli scorsi mesi potrebbe non aver ancora ricevuto il bonus.