Caos DAZN, “questa è una truffa”: gli abbonati vogliono i loro soldi

Dazn rischia di ricevere una pesante denuncia da parte degli utenti che dopo l’ennesimo anni di problemi irrisolti sono davvero stanchi

Dazn
Screen

Ora gli utenti sono davvero inferociti. Dazn ha dato problemi per la trasmissione in diretta streaming delle partite di Serie A fin dal primo giorno, quando qualche anno fa ha ottenuto i diritti televisivi.

Ieri, alla prima giornata del nuovo campionato, altri disservizi. Oltre a scatenare anche le critiche dei politici (siamo in piena campagna elettorale, toccare il cuore degli elettori con il pallone era forse troppo scontato) anche il Codacons reagisce ai disservizi.

Ci sono stati problemi tecnici come la stessa piattaforma ha riconosciuto. Ma l’associazione dei consumatori vuole andarci già pesante ed è pronta a presentare una denuncia per  interruzione di pubblico servizio e truffa.

Dazn, tifosi inferociti

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Sul web ovviamente è facile testare il malumore degli utenti e molti propongono uno sciopero. Visto che l’emittente è a conoscenza dei problemi tecnici, fin quando non saranno risolti non pagheremo nulla, è il pensiero di molti.

La rabbia monta anche considerando che i costi non sono stati ridotti rispetto allo scorso anno. In pratica si paga (e anche abbastanza, in un periodo così difficili per l’economia delle famiglie) per non vedere le partite in santa pace.

“Siamo stanchi di dover commentare questo disastro annunciato: la Lega Calcio ha permesso che la fiducia dei tifosi italiani venisse tradita una volta di più”, è il commento del Codacons.

Dazn si è scusata dei disservizi e ha proposto link alternativi  ieri sera per poter continuare a seguire Salernitana-Roma e Spezia-Empoli.

C’è stata anche un’altra disavventura ieri sera dopo il match dei capitolini. Il tecnico dei giallorossi Josè Mourinho al termine della partita non ha rilasciato dichiarazioni ai microfoni dell’emittenze, nonostante si sia presentato alla postazione dedicata. Il motivo, come riportaforzaroma-info, è che c’è stata una sovrapposizione con alcuni contenuti in onda.

Insomma, con il nuovo campiomnato sono tornate vecchie polemiche. Oltre a quelle arbitrali (già nella prima in assoluto del campionato, sabato in Milan-Udinese) ora anche Dazn. Sono anni che i tifosi vanno sempre peno allo stadio e si diceva per via della pay-tv. Ma ora che anche questa continua a dare problemi, in uno sport dove c’è sempre più disaffezione per tanti motivi, cosa sarà del calcio italiano?