WhatsApp, che novità! Cambia tutto per la famosa applicazione

WhatsApp in continua e prograssiva evoluzione: le nuove funzioni che danno maggiore tutela della privacy: quali sono

WhatsApp
Pixabay

Mark Zuckerberg torna a parlare in pubblico e lo fa per annunciare i cambiamenti apportati a WhatsApp. Grandi cambiamenti e c’è da scommetterci che saranno graditi dagli oltre due miliardi di utenti in tutto il mondo.

Le novità sono dovute anche al fatto che l’app, almeno stando agli ultimi report, stia perdendo il favore del pubblico. Ma quali sono le novità?

Alcune sono tate già annunciate ed entrate in funzione. Ad aprile era stata introdotta la funzione Community per aggregare più gruppi esistenti in un grande contenitore. Una sorta di gruppo dei gruppi. C’è stata poi la reazione ai messaggi, rilasciando un’emoticon in risposta a quanto scritto da altri.

WhatsApp, ora cosa si potrà fare

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Il creatore di Meta, la società che gestisce Facebook, Instagram, messanger e appunto WhatApp, ha spiegato che si potrà uscire in modo silenziono dai gruppi. Non comparirà più quindi il messaggi per tutti “Tizio ha abbandonato il gruppo” ma sarà un’informazione solo a disposizione dell’amminsitratore. Per sapere quindi se una persona è ancora presente nel gruppo, bisognerà spulciare tutta la lista.

L’altra grande novità è che si potrà essere online ma “invisibili”. Particolarmente apprezzato da chi vuole tutelare la propria privacy, la nuova funzione permetterà di mostrarsi online solo ai numeri presenti solo ad alcuni numeri presenti in rubrica scelti dall’utente.

Infine c’è lo top agli screenshot dei contenuti condivisi per una sola visualizzazione. Tra le nuove idee è quella meno “popolare”, nel senso che riguarda una fetta più ristretta di utenti e che interesserà a chi è meno esperto e utilizza l’app di rado.

In pratica non si potrà più immortalare lo schermo del proprio cellulare nel momento in cui si sta visualizzando un contenuto momentaneo condiviso da altri per una sola visualizzazione.

Ovviamente ciò non mette al riparo chi lo posta da eventuali riproduzioni poiché il contenuto può sempre essere ripreso con un altro smartphone con foto e video.

WhatsApp dall’origine ad oggi è cambiata tantissimo. Nata come chat di testo, con il tempo ha dato la possibilità di condividere file, fare videochiamate e tanto altro, senza abbonamento.