Devi inviare questa dichiarazione entro il 30 settembre: il Fisco dà l’ultimatum

Dichiarazione importante da inviare entro il 30 settembre. Mancano ancora pochi giorni: cosa bisogna fare per non sbagliare

Foto social

Da mesi siamo alle prese con i problemi economici, l’inflazione, il caro bollette e chi più ne ha più ne metta. Questioni che si spera si possano risolvere a breve ma la strada sembra in salita. In questo frastuono domenica 25 settembre si vota ma c’è un’altra data anch’essa molto importante, assolutamente da non dimenticare.

Il 30 settembre è il termine ultimo per l’invio del modello 730, quello utile alla Dichiarazione dei Redditi 2022 in riferimento ai dati 2022 per lavoratori dipendenti e pensionati mediante il quale si può ottenere il rimborso delle imposte a credito. Le spese che si possono detrarre sono soprattutto sanitarie e farmaceutiche ma grazie ai tanti bonus creati dal governo, si possono ottenere soldi anche su altre voci.

Dichiarazione entro il 30 settembre: c’è anche la precompilata

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate c’è un’area con il modello 730 già precompilato. Per accedere sono necessarie le credenziali SPID, CIE o CNS. In questa sezione l’AdE indica le spese già sostenute di cui l’ente è a conoscenza, dati trasmessi da terzi come per i farmaci. Con la precompilata, infatti, in contribuente può accettare tutto ciò che è riportato o procedere alla modifica. L’importante è farlo entro il 30 settembre.

L’Agenzia delle Entrate ha anche sollecitato on un comunicato a inviare i dati e ha ricordato che quest’anno è ancora più semplice inviare la precompilata telematicamente ed in completa autonomia. L’ente ha già caricato circa 1,2 miliardi di dati. Ma quali sono? I contribuenti troveranno i dati su redditi, ritenute, versamenti e numerose spese detraibili e deducibili.

Dunque, ricapitolando, vediamo cosa può ancora fare il contribuente a pochi giorni dalla scadenza: accettare la dichiarazione senza fare modifiche, integrarla per inserire altre spese deducibili o detraibili che non sono non presenti oppure rettificare i dati non corretti. Qualsiasi sia la scelta, deve poi inviare la dichiarazione direttamente all’Agenzia delle Entrate.

Infine ricordiamo che quest’anno si può delegarsi un familiare o un’altra persona di fiducia per la gestione della propria dichiarazione. Per la delega bisogna compilare un apposito modello scaricabile dal sito dell’Agenzia.