WhatsApp, c’è un nuovo trucco per sorprendere i tuoi amici

WhatsApp, c’è un nuovo trucco che può sorprendere i tuoi contatti e anche se si tratta di non dire tutta la verità

WhatsApp
Screen YouTube

“Dove sei?”. Quante volte abbiamo ricevuto questa domanda? Solitamente chi chiede è un genitore preoccupato, il partner o un amico. Quando un tempo si telefonava a casa la domanda non veniva neanche posta: bastava rispondere per dire indirettamente dove ci si trovava. Ancora oggi ci sono i telefoni di rete fissa ma in numero nettamente inferiore rispetto ai cellulari.

Quando questi ultimi si sono diffusi di più, era più facile mentire e dire che ci si trovava in un posto anziché in un altro. In effetti ancora oggi si può fare così. Si può dire di essere in un posto quando in realtà si è a tutt’altra parte. I telefoni cellulari in effetti ci danno molta liberta – soprattutto gli smartphone – ma allo stesso momento ce la tolgono perché siamo quasi sempre reperibili. Ma chi vi chiama e non si fida della risposta data, oggi ha ancora un’altra arma. Può chiedere di inviare a posizione.

La seconda domanda se non la pone un amico, la può fare più di frequente il genitore che pretende di sapere la verità dal figlio adolescente che può mentire su dove si trova, o un fidanzato/fidanzata che si fa prendere dalla gelosia. E come si può fare a mentire davanti alla seconda richiesta? La posizione non mente, ma possiamo mentire noi.

WhatsApp, come inviare una posizione sbagliata

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

È un consiglio poco cortese perché spiegare come dire una bugia non è mai moralmente corretto, ma a volte si può mentire anche a fin di bene.

La posizione si invia su WhatsApp. È una funzione molto utile quando, ad esempio, si deve dare l’indirizzo dell’appuntamento con il navigatore che ci porta fino al punto preciso. Può essere però un’arma a doppio taglio.

Ecco spiegato come fare per inviarne un’altra. Quando si è in chat si preme sul simbolo per accedere alla posizione, si aprire una mappa. Il trucco è molto semplice: invece di cliccare per inviare la posizione corretta, si può cercare un altro luogo della città e selezionarlo. Così facendo Google Maps lo accetterà come luogo da inviare e in questo mondo il nostro contatto penserà che ci troviamo davvero in quel luogo.