Bonus luce e gas, puoi avere anche gli arretrati: cosa devi fare

Bonus luce e gas, l’agevolazione è essenziale per milioni di italiani: come fare per ottenere sconti sulle bollette già pagate

Bolletta Luce Gas
Bolletta Luce Gas (Foto Twitter)

Con il cosiddetto Decreto Ucraina bis del 21 marzo 2022 il governo ha ampliato la platea di beneficiari del bonus sociale elettrico e gas (già in vigore dallo scorso anno), portando la soglia dei beneficiari da circa 8mila euro di Isee a 12mila euro.

Dal 1 aprile milioni di italiani stanno avendo accesso all’agevolazione e sarà così fino al 31 dicembre 2022. È anche partita la campagna informativa nazionale promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con Inps.

La campagna prevede uno spot tv in onda sulla Rai e in radio per portare l’agevolazione alla conoscenza di tutti. Il decreto stabilisce anche una retroattività del bonus bolletta per chi non ha presentato l’Isee al primo trimestre dell’anno. In questo modo gli eventuali pagamenti di somme eccedenti saranno compensati automaticamente in bolletta dopo la presentazione della domanda.

Se non fosse possibile lo sconto automatico nella bolletta successiva, ci sarà un rimborso. Ricordiamo che l’importo del bonus non è fisso e tra i criteri per stabilirlo rientrano anche le zone climatiche di residenza, che vanno dalla A alla F e sono sono divise tra quelle più calde e quelle più fredde.

Bonus luce e gas, come chiedere lo sconto

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Come si fa a chiedere lo sconto in bolletta? Sarà sufficiente presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica e ottenere così un’attestazione ISEE e il sistema sarà automatico. La Dichiarazione può essere presentata in autonomia direttamente online: bisogna collegarsi al sito ufficiale dell’Inps, accedendo alla propria area personale MyINPS, oppure attraverso un qualsiasi Caf, Centro di Assistenza Fiscale.

Dopo aver acquisito la Dichiarazione lo stesso Inps selezionerà automaticamente le famiglie che potranno accedere allo sconto. Sarà cura dell’istituto trasmettere i dati.
Attraverso il proprio portale digitale SII, Acquirente unico comunicherà poi i dati degli utenti direttamente agli enti erogatori di energia elettrica o gas. Così facendo si applicheranno in modo automatico gli sconti in bolletta.