Conto Corrente negato, i motivi sono davvero incredibili

Una storia che lascia abbastanza perplessi, ma di cui, a quanto pare, sono in molti a dovervi fare i conti.

conto corrente motivi
(Pixabay)

Si tratta di una vicenda che merita di essere riportata, perché, al giorno d’oggi, ha qualcosa di incredibile. In effetti, pare strano che sia accaduto, però, da quanto è stato riportato, non ci sono dubbi.

Così, nelle prossime righe vorremmo riportare questa storia abbastanza sorprendente che ha visto protagonista una donna ucraina che peraltro possiede un permesso di soggiorno regolare e che risiede in Italia da una manciata di anni.

In particolare, questa persona si sarebbe vista negare la possibilità di aprire un conto corrente con Poste Italiane. A quel punto, comunque, la malcapitata ha dovuto affidarsi addirittura a un legale per cercare di risolvere il problema.

L’avvocato in questione, quindi, ha affermato che sarebbe dal settembre scorso che la sua assistita si è recata allo sportello, per ben tre volte, per concludere l’operazione. Anzi, sembra che, prima di andare alle Poste, la donna abbia anche fatto una chiamata preventiva.

Durante la telefonata, quindi, avrebbe avuto la conferma da un operatore che la cosa si sarebbe potuta fare. Ma, una volta arrivata a destinazione, si è vista bloccare la procedura. Il motivo principale? La sua condizione di disoccupata.

Gli altri dettagli della vicenda

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Ma, per la verità, l’utente dovrebbe ritirare una somma di 5 mila euro conseguentemente a un accordo stragiudiziale. Cosa che però, al momento, non può fare. Inoltre, pare che per questa signora l’unica operazione consentita sia quella di aprire un libretto di risparmio.

A onor del vero, però, come riferisce il professionista stesso che si sta occupando della cliente, Poste Italiane, all’interno del sito ufficiale, specifica che gli unici requisiti per aprire un conto corrente siano il possesso di un documento di riconoscimento e di un codice fiscale.

Comunque sia, l’avvocato pare che abbia avuto, nel corso del tempo, altre esperienze simili. Sembra che, infatti, generalmente, agli stranieri non sia consentito aprire un conto corrente.

Insomma, una situazione che lascia alquanto basiti, soprattutto perché, secondo fonti accreditate, in questo senso, non ci sarebbe alcuna discriminazione per il fatto di essere stranieri.

Vedremo, dunque, se questo imprevisto, in seguito, si potrà appianare non soltanto per la donna in questione, bensì anche per tanti altri che si trovano nella medesima condizione.