Cosa succede davvero se non paghi le bollette

Bollette che diventano cartelle esattoriali, è possibile? Cosa succede se non si salda l’importo e qual è la procedura

Adobe

Oggi le bollette ci spaventano. Da circa un anno gli importi sono in salita e da quando la Russia ha attaccato l’Ucraina lo scorso 24 febbraio la situazione è nettamente peggiorata. C’è stata una pesante inflazione sui costi energetici e di conseguenza l’inflazione ha invaso tutti i settori.

Se costa di più la produzione di un qualsiasi prodotto perché è più cara l’energia, costerà di più ogni cosa, dalla distribuzione fino all’acquisto finale del consumatore. Una catena spaventosa che vediamo tutti i giorni nella spesa quotidiana e nelle bollette. Con le temperature che prossimamente saranno più basse e il gas che pagheremo più dell’anno scorso, gli importi saranno ancora maggiori.

Bolletta, cosa succede se non si paga

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Non è difficile dunque ipotizzare che qualcuno non ce la farà a pagare le bollette. C’è disoccupazione, precarietà e gli stipendi per la maggior parte degli italiani sono bassi. Non a caso il governo e le Regioni stanno mettendo in campo diverse misure come i bonus per fronteggiare la crisi.

Cosa succedere se il saldo finale di una bolletta non sarà coperta? Quando riceviamo la fattura a casa c’è una data entro cui pagare. Innanzitutto ricordiamo che se si paga qualche giorno dopo la scadenza indicata, non succede nulla. Ma se il mancato pagamento si prolunga, è possibile che si trasformi in una cartella esattoriale?

La società fornitrice del servizio con il passare del tempo può certamente staccare la fornitura ma non prima che l’utente abbia ricevuta la diffida con una raccomandata. L’utente inoltre ha anche un’arma a disposizione, presentare un ricorso.

Il mancato pagamento non può trasformarsi in una cartella esattoriale perché questa è uno strumento dell’agente della riscossione, dunque le imposte dovute allo Stato e in particolare se ne occupa la sezione Riscossione dell’Agenzia delle Entrate. Le società di fornitura si affidano ad altre società, esterne, di recupero crediti. Dunque, per una o più bollette non pagate, non possono arrivare cartelle esattoriali.